Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale

Da oggi leggere Sicurezza Internazionale è molto più semplice, rapido e intuitivo.

24 giugno 2019

Boris Johnson e la maledizione della Brexit

Boris Johnson diventerà il nuovo primo ministro britannico, salvo incredibili sorprese. Il vantaggio sul suo rivale, Jeremy Hunt, è enorme. Johnson è pronto a una brexit senza accordo, che indebolirebbe il Regno Unito e l’Unione Europea. Il Regno Unito dovrebbe infatti fronteggiare due grandi problemi, con forze esigue. Il primo è rappresentato dall’indebolimento dell’economia, un […]

26 giugno 2019

Sea Watch entra nelle acque territoriali italiane, Salvini: “è uno scherzo”

La Sea Watch 3 ha annunciato la propria decisione di entrare nelle acque territoriali italiane per attraccare a Lampedusa, nonostante Roma abbia fiutato l’autorizzazione allo sbarco. La nave trasporta 42 migranti che si trovano in mare da 14 giorni

26 giugno 2019

Trump: in caso di guerra con l’Iran non invieremo soldati sul terreno

Trump ha dichiarato che, in caso di guerra con l’Iran, non invierà soldati sul campo. Teheran, intanto, avvisa gli USA che hanno intrapreso “un percorso sbagliato”

26 giugno 2019

Siria: “terroristi” attaccano un oleodotto sottomarino

Un oleodotto sottomarino situato a Banias, l’unico porto petrolifero della Siria, è stato preso di mira da “terroristi legati a Stati stranieri”, secondo quanto hanno riferito i media del regime siriano

26 giugno 2019

ONU smonta l’indagine saudita sull’omicidio Khashoggi

Agnes Callamard, inviata speciale delle Nazioni Unite per le esecuzioni extragiudiziali, ha fortemente criticato la credibilità dell’indagine saudita sull’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi

26 giugno 2019

Ancora caos in Etiopia: gruppo di uomini in uniforme uccide 50 persone

Un gruppo di uomini in uniforme mimetica ha ucciso più di 50 persone nella zona di Metakal, nella regione occidentale di Benishangul-Gumuz, in Etiopia. Tali eventi potrebbero essere collegati al colpo di stato fallito di sabato 22 giugno

26 giugno 2019

FMI: una forte crescita economica è possibile nei Territori Palestinesi

Il capo del Fondo Monetario Internazionale (FMI), Christine Lagarde, ha dichiarato che una notevole crescita economica è possibile nei Territori Palestinesi, se tutte le parti insisteranno sul piano di economico per la pace israelo-palestinese rivelato durante la conferenza di Manama, in Bahrein

26 giugno 2019

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.