Scarica l’app di Sicurezza Internazionale per il tuo smartphone

Da oggi leggere Sicurezza Internazionale è molto più semplice, rapido e intuitivo.

16 gennaio 2020

Immigrazione: i fatti più importanti di settembre 2021

Secondo le stime della UN Refugee Agency (UNHCR), nel mese di settembre 2021, sono giunti in Europa, via mare e via terra, oltre 12.000 migranti, segnando un lieve aumento rispetto alle cifre registrate nel settembre 2020, pari a 10.769. Il Paese che ha accolto il maggior numero di stranieri risulta essere l’Italia, seguita da Spagna (27.320), Grecia […]

2 ottobre 2021

Etiopia: il governo conferma l’offensiva aerea su Mekelle

Il governo dell’Etiopia ha ammesso di aver condotto un’offensiva nella regione del Tigray, specificando che l’aeronautica avrebbe effettuato un attacco aereo, lunedì 18 ottobre, su Mekelle, prendendo di mira obiettivi ribelli. Le forze del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray (TPLF), al contrario, sostengono che i raid abbiano colpito i civili e si teme la morte di almeno 3 persone

19 ottobre 2021

Iran: sì ai negoziati sul nucleare, ma senza sanzioni

Il presidente dell’Iran ha dichiarato che gli Stati Uniti dovrebbero revocare le sanzioni imposte contro il proprio Paese per dimostrare serietà e riprendere i colloqui di Vienna sull’accordo sul nucleare, i quali sono tuttora in una fase di stallo

19 ottobre 2021

Sudan: continua la protesta contro il governo ad interim

Il 18 ottobre, il governo sudanese ha esortato tutte le fazioni politiche ad evitare un’escalation, dopo che la polizia ha disperso i manifestanti pro-militari nel terzo giorno di sit-in a Khartoum

19 ottobre 2021

La Libia e i dossier irrisolti: dai mercenari al petrolio, passando per le elezioni

Le Nazioni Unite hanno ribadito la necessità di garantire la fuoriuscita di forze e mercenari stranieri dai territori libici e di tenere elezioni entro la data prevista, il 24 dicembre. Nel frattempo, Mustafa Sanalla, presidente della National Oil Corporation, è stato nuovamente sospeso

19 ottobre 2021

Ecuador: dichiarato lo stato di emergenza a causa di una crisi della sicurezza

Il presidente dell’Ecuador, Guillermo Lasso, ha dichiarato lo stato di emergenza, lunedì 18 ottobre. Il Paese sta affrontando un’ondata di violenza legata alla droga e le autorità hanno ordinato alla polizia e ai militari di scendere in strada

19 ottobre 2021

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.