Trump Nobel alla pace?

Trump è stato candidato al Nobel per la pace, per il suo ruolo nella normalizzazione dei rapporti tra Israele ed Emirati Arabi Uniti. Non ci sono dubbi sull’importanza del processo in atto, che sta coinvolgendo anche altri Paesi. Questa rubrica si rallegra e riconosce a Trump il valore del suo impegno. Il problema è che […]

17 settembre 2020

Il fatto più importante della settimana, Israele, EAU e Bahrein

Washington è stata testimone, martedì 15 settembre, della cerimonia per la firma degli accordi di normalizzazione tra Israele, Emirati Arabi Uniti (UAE) e Bahrein. Per quest’ultimo, firmare una simile alleanza con Israele non significa abbandonare la causa palestinese, ma unire gli sforzi per far fronte alla minaccia iraniana

18 settembre 2020

Argentina e Russia tengono riunione bilaterale per promuovere commercio e investimenti

Tra i temi affrontati l’accesso ai mercati e la cooperazione in diversi settori, come il trasporto ferroviario, l’energia, i requisiti agroalimentari e sanitari, farmaceutici, doganali e bancari

19 settembre 2020

Bahrein: la normalizzazione con Israele alimenta minacce interne

L’accordo di normalizzazione tra Israele e il Regno del Bahrein, ufficialmente siglato a Washington il 15 settembre, rischia di acuire tensioni interne e di alimentare una mobilitazione da parte della componente sciita

19 settembre 2020

Afghanistan: eliminato un leader della “Red Unit” dei talebani

Le forze armate afghane hanno ucciso Ghairatullah, noto anche come Mullah Sangeen, il vice comandante della “Red Unit” dei talebani. Intanto, anche i negoziati non sembrano portare il Paese verso la fine delle violenze

19 settembre 2020

USA impongono nuove sanzioni contro Hezbollah

Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni ai danni di un cittadino libanese considerato un funzionario di Hezbollah e di due società con sede in Libano, accusate di essere collegate al gruppo militante

19 settembre 2020

Coronavirus: perchè l’Egitto preferisce il vaccino cinese rispetto a quello russo

Il governo egiziano ha in programma di firmare un accordo con la sua controparte cinese, a fine settembre, per favorire la distribuzione, entro 4 mesi, di un vaccino contro il coronavirus che è ora in fase finale di sperimentazione. Nel fare ciò, Il Cairo ha ignorato le richieste russe di una partnership nella produzione del controverso Sputnik-V

19 settembre 2020

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.