Ciad

    Il Fronte per l’Alleanza e la Concordia in Ciad è pronto al dialogo

    26 luglio 2021

    Il leader del Fronte per l’Alternanza e la Concordia in Ciad (FACT), Mahamat Mahdi Ali, ha dichiarato che il gruppo, responsabile della morte dell’ex presidente, è pronto a partecipare al dialogo politico nazionale

    L’Italia in Sahel: un investimento strategico di medio-lungo periodo

    20 luglio 2021

    Il 19 luglio, il Ministero degli Affari Esteri italiano ha pubblicato un approfondimento, intitolato “l’Italia e il Sahel”, in cui sottolinea il sempre maggiore interesse di Roma verso questa regione, impegnandosi ad aprire nuove ambasciate in Ciad e Mali

    Ciad e Angola discutono di collaborazioni per la sicurezza

    3 giugno 2021

    Il 2 giugno, il presidente del Consiglio Militare di Transizione del Ciad, Mahamat Idriss Déby, si è recato in Angola, dove ha discusso di collaborazioni nel settore della sicurezza con il presidente di Luanda, Joao Lourenco

    Rep. Centrafricana: esplosione uccide 3 militari russi e 2 soldati locali

    31 maggio 2021

    Il 28 maggio, l’esplosione di una bomba al confine tra Repubblica Centrafricana e Ciad ha causato la morte di 3 militari russi e due agenti delle forze dell’ordine locale. L’ordigno sarebbe stato collocato lungo il tragitto da un gruppo di ribelli

    Ciad: nuove proteste contro il Consiglio Militare di Transizione

    19 maggio 2021

    Le forze di sicurezza del Ciad hanno usato gas lacrimogeni e manganelli per disperdere i manifestanti che sono scesi in piazza nella capitale, N’Djamena, per protestare contro il governo militare che ha preso il potere dopo la morte del presidente Idriss Deby

    Ciad: la proposta dell’Unione Africana e le proteste

    12 maggio 2021

    L’Unione Africana ha individuato tre opzioni per il ripristino dell’ordine costituzionale in Ciad, il 12 maggio, mentre alcuni cittadini scendono in piazza per supportare il governo militare e altri preparano nuove proteste per contestarlo

    Ciad: l’esercito festeggia una presunta vittoria a N’Djamena

    10 maggio 2021

    Il 9 maggio, l’esercito del Ciad ha reso noto che l’operazione contro i ribelli, che hanno ucciso il defunto presidente, è “terminata” e che “la situazione è tornata alla normalità”. Tuttavia, la situazione nel Paese rimane poco chiara

    Le prime mosse del nuovo governo del Ciad

    8 maggio 2021

    Il nuovo governo del Ciad, nominato il 2 maggio, sta tentando di riallacciare i contatti con i partner internazionali, ma continua a reprimere le proteste di piazza contro la Giunta Militare. La polizia ha usato gas lacrimogeni contro la folla, l’8 maggio

    Ciad: le forze di sicurezza sparano sui manifestanti

    1 maggio 2021

    Le forze di sicurezza hanno sparato contro una folla di manifestanti che stava protestando contro il Consiglio Militare di Transizione (CMT), al potere in Ciad dalla morte del presidente Idriss Deby, uccidendo almeno 4 persone, nella cittadina di Sarah, a 550 km dalla capitale

    La disoccupazione giovanile in Ciad

    1 maggio 2021

    A seguito della nomina del Consiglio Militare, in Ciad si sono verificate delle proteste violente. Tra i manifestanti vi erano molto giovani disoccupati risentiti della presidenza di Deby e della sua gestione dell’economia

    Ciad: scontri con i ribelli e sviluppi politici

    29 aprile 2021

    Il 29 aprile, l’esercito di N’Djamena ha combattuto con i ribelli del Fronte per l’Alternativa e la Concordia in Ciad (FACT), nei pressi della città settentrionale di Nokou. Intanto, la situazione in Ciad è al vaglio dell’Unione Africana e il nuovo premier incontra gli ambasciatori di Francia e USA

    Ciad: proteste contro la Giunta Militare, almeno 2 morti

    27 aprile 2021

    Il 27 aprile, almeno 2 persone sono state uccise e altre 27 sono rimaste ferite nelle proteste contro il Consiglio Militare di Transizione (CMT) salito al potere in Ciad dopo la morte del presidente Idriss Deby

    Il Consiglio Militare del Ciad nomina il nuovo premier

    26 aprile 2021

    Il 26 aprile, il Consiglio Militare di Transizione (CMT) del Ciad ha nominato un rappresentante della società civile, il politico Albert Pahimi Padacke, come primo ministro di un governo ad interim, a seguito dell’uccisione del presidente Idriss Deby da parte di un gruppo ribelle, il 19 aprile

    La Francia assicura il proprio sostegno al Governo Militare del Ciad

    23 aprile 2021

    Il presidente francese, Emmanuel Macron, è stato l’unico leader occidentale a recarsi al funerale del defunto presidente del Ciad, Idriss Deby, che si è tenuto il 23 aprile, assicurando il sostegno di Parigi al Consiglio Militare di Transizione (CMT) al potere, guidato dal figlio di Deby

    Le conseguenze della morte di Deby sulla sicurezza in Nigeria

    23 aprile 2021

    Oltre che causare instabilità in Ciad, la morte del presidente ciadiano, Idriss Deby, potrebbe peggiorare il quadro di sicurezza anche nella confinante Nigeria, da tempo impegnata nella lotta contro i militanti islamisti di Boko Haram

    Il fatto più importante della settimana, Ciad

    23 aprile 2021

    Il 20 aprile, i media locali hanno riferito la notizia della morte del neo-rieletto presidente, Idriss Déby, deceduto a causa delle ferite riportate in uno scontro armato con i ribelli del Fronte per l’Alternativa e la Concordia in Ciad (FACT)

    Ciad: al via la transizione militare, i ribelli avanzano verso la capitale

    21 aprile 2021

    Il 21 aprile, il Consiglio Militare subentrato al presidente deceduto, Idriss Deby, ha rilasciato la carta di transizione con la quale intende guidare il Paese per i prossimi 18 mesi. Nel frattempo, le forze ribelli del Front pour l’Alternance et la Concorde au Tchad (FACT) hanno minacciato di assediare la capitale del Ciad, N’Djamena, non accettando il piano del Governo ad interim

    Idriss Deby: un alleato della Francia nel Sahel

    20 aprile 2021

    Idriss Deby, il presidente del Ciad rimasto ucciso negli scontri con i gruppi ribelli, dopo essere stato appena rieletto per il suo sesto mandato consecutivo, si era ritagliato la reputazione di fedele alleato dell’Occidente, in particolare della Francia, nel Sahel, nonostante le accuse di autoritarismo

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.