Colombia-Perù: incontro al vertice tra i capi di Stato

Pubblicato il 14 gennaio 2022 alle 18:06 in Colombia Perù

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente colombiano, Iván Duque, ha incontrato il suo omologo peruviano, Pedro Castillo Terrones, a Villa de Leyva, 165 km a Nord di Bogotá, il 13 gennaio, per discutere della riattivazione economica del confine tra i due Paesi, nonché di questioni ambientali e di sicurezza.

L’incontro di giovedì 13 gennaio avrebbe dovuto svolgersi due anni fa, ma è stato rimandato più volte a causa della pandemia di coronavirus. L’ultimo incontro bilaterale al vertice tra Colombia e Perù si era tenuto il 27 agosto 2019 a Pucallpa, in Perù. Duque e Castillo hanno però constatato che, nonostante nessun incontro ufficiale tra capi di Stato, il lavoro di collaborazione tra i due Paesi non si è fermato.

Il leader colombiano ha ricordato che il “commercio binazionale” ha già superato i 2 miliardi di dollari, aggiungendo di essere fiducioso che “crescerà in modo esponenziale” nei prossimi anni. Duque ha anche parlato della riattivazione della “commissione binazionale di frontiera”, uno spazio in cui le forze di sicurezza su entrambi i lati del confine condividono informazioni e svolgono sforzi congiunti per combattere i gruppi criminali e i trafficanti di droga. Il leader colombiano ha poi dichiarato: “Siamo uniti per affrontare la crisi climatica, siamo uniti per portare avanti un’agenda di azione per il clima per il 2050 e il 2030” e per “sconfiggere la deforestazione”.

Duque e Castillo hanno anche discusso della migrazione venezuelana e hanno chiesto alla comunità internazionale di erogare risorse di cooperazione per aiutare ad alleviare la crisi umanitaria. Duque e Castillo hanno poi deciso di sostenere l’ingresso dell’Ecuador nell’Alleanza del Pacifico, un blocco commerciale composto da Chile, Colombia, Messico e Perù,  e di rafforzare l’attuale Comunità andina (CAN), un’organizzazione dotata di libero scambio e libera circolazione di persone di cui fanno parte Bolivia, Colombia, Ecuador e Perù.

 Castillo ha chiesto “un’America Latina più unita”, affermando: “Oggi dichiariamo guerra ai nemici comuni che abbiamo, come la povertà e le disuguaglianze che abbiamo vicino a ciascuno dei nostri confini”. Il prossimo incontro è previsto per luglio 2022 nella provincia natale di Castillo, Chota.

La Colombia è il quarto Paese più grande del Sud America e una delle Nazioni più popolose del continente, con 49 milioni di abitanti, ha notevoli riserve di petrolio ed è un importante produttore di oro, argento, smeraldi, platino e carbone. Il Paese è stato devastato da un violento conflitto decennale che ha coinvolto gruppi armati fuorilegge, cartelli della droga e gravi violazioni dei diritti umani, sebbene, dal 2002, Bogotá abbia compiuto progressi significativi verso il miglioramento della sicurezza.

Il Perù, invece, è ricco di risorse minerarie ed è il principale produttore mondiale di cocaina. Il Paese sta cercando di superare gli strascichi del conflitto durato due decenni, all’incirca dal 1980 al 2000, tra lo Stato e i gruppi di guerriglia di sinistra, il Movimento Rivoluzionario Tupac Amaru e Shining Path, che ha ancora un seguito.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.