USA: studente italiano della Columbia University accoltellato a morte

Pubblicato il 3 dicembre 2021 alle 20:12 in Italia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 30enne italiano Davide Giri, studente della Columbia University, è stato ucciso a coltellate a Manhattan, nei pressi del campus universitario, mentre tornava a casa dopo gli allenamenti di calcio. L’omicidio è avvenuto intorno alle 23 di giovedì 2 dicembre, all’incrocio tra la 123ma strada e Amsterdam Avenue, nei pressi di Morningside Park. L’aggressore, che ha colpito Giri al petto, è un 25enne del Queens, membro della gang Every Body Killer. Prima di essere fermato dalla polizia a Central Park e poco dopo aver aggredito lo studente della Columbia, l’uomo ha accoltellato anche un turista 27enne identificato come italiano. Secondo quanto si apprende dal New York Times, l’omicida di Giri era già stato arrestato almeno 11 volte, dal 2012, per rapine e altri reati.

Giri veniva da Alba, nel Cuneese. Nella cittadina, il trentenne era molto conosciuto per le attività di volontariato svolte presso la parrocchia locale. Aveva studiato al Politecnico di Torino, dove si era laureato, e si trovava a New York per un master in ingegneria e scienze applicate. Era candidato a un dottorato di ricerca in scienze informatiche. Aveva iniziato a lavorare alla Columbia, intorno al 2016, come assistente di ricerca, dopo aver studiato prima in Italia e poi a Chicago.

Il giovane è stato dichiarato morto dopo essere stato trasportato d’urgenza in ospedale. L’identità della vittima è stata confermata questa mattina dal rettore dell’Università, Lee Bollinger, in una mail rivolta agli studenti della Columbia. “Vi scrivo con profonda tristezza per condividere la tragica notizia che Davide Giri, studente della School of Engineering and Applied Science, è stato ucciso in un violento attacco vicino al campus, giovedì sera”, si legge nel comunicato. Il preside Bollinger ha altresì espresso le proprie condoglianze alla famiglia Giri, aggiungendo: “Si tratta di una notizia incommensurabilmente triste e profondamente scioccante, visto che il fatto è avvenuto a pochi passi dal nostro campus. Da parte dell’intera comunità della Columbia, invio le mie più sincere condoglianze alla famiglia di Davide”.

“Era la persona più gentile e brillante della squadra”, hanno scritto i suoi compagni di calcio in una dichiarazione di gruppo. “Ti amiamo, amico, eri una roccia in difesa e giocheremo e vinceremo per te perché questo è quello che volevi”, hanno aggiunto. In un post su Twitter, Gale Brewer, a capo del distretto di Manhattan, ha sottolineato la vicinanza tra il luogo in cui è stato aggredito Giri e quello in cui la diciottenne Tessa Majors, studentessa del Barnard College, è stata fatalmente accoltellata, l’11 dicembre 2019, dopo essere stata assalita da tre adolescenti durante una rapina a mano armata. Anche in questo caso, l’omicidio si era verificato vicino Morningside Park. I tre assassini avevano tra i 13 e i 14 anni ai tempi dell’incidente. 

Tra quelli intervistati dal New York Times, Max Crownover, uno studente del programma di medicina post-laurea della Columbia, ha affermato che la morte di Majors, avvenuta quasi due anni fa esatti, getterebbe un’ombra sull’omicidio di Giri. “Sono rimasto scioccato ma non sorpreso e questo mi fa arrabbiare”, ha detto Crownover, 23 anni. “Non è la prima volta che si verifica un atto violento da queste parti”, ha aggiunto, sottolineando che gli studenti della Columbia cominciano a sentire la loro sicurezza a rischio e chiedendo all’Università di agire. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione