Cipro, Egitto e Grecia sceglieranno consulente per l’interconnessione elettrica entro la fine del 2021

Pubblicato il 30 novembre 2021 alle 11:23 in Cipro Egitto Grecia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Repubblica di Cipro, l’Egitto e la Grecia, entro la fine del 2021, sceglieranno un consulente per il progetto di interconnessione elettrica.

Secondo quanto riferito da un alto funzionario del Ministero dell’energia elettrica egiziana, sono stati scelti quattro uffici di consulenza internazionali per valutare la fattibilità del progetto di interconnessione elettrica tra i tre Paesi. Il funzionario ha aggiunto che il consulente scelto preparerà tutti i requisiti tecnici e finanziari del progetto.

Tale iniziativa costituisce un segmento importante delle relazioni strategiche e della cooperazione tra l’Egitto, Cipro e la Grecia, e contribuirà a sviluppare il corridoio energetico tra i tre, aumentando l’offerta di energia elettrica e la partecipazione dell’elettricità generata da fonti energetiche rinnovabili.

In precedenza, l’Egitto aveva concordato di condurre uno studio sulla fattibilità del progetto con un’azienda cipriota, ma, in seguito a una serie di dubbi emersi sul fatto che tale azienda potesse non impegnarsi a completare lo studio o a rispondere alle richieste, i funzionari vi hanno rinunciato per cercarne un’altra.

Il 16 ottobre scorso, in occasione del nono vertice tripartito tra i leader di Egitto, Repubblica di Cipto e Grecia – il presidente di Cipro, Nicos Anastasiades, il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi, e il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis – è stato firmato un nuovo protocollo d’intesa sulla cooperazione energetica, volti a rafforzare i collegamenti tra le reti di trasmissione elettrica. Lo stesso giorno, il Cairo e Nicosia hanno firmato un memorandum d’intesa che ha stabilito un quadro di cooperazione tra i due Paesi in materia di energia elettrica. Il 14 ottobre, invece, la Grecia e l’Egitto avevano firmato un accordo simile, destinato a porre le basi per la costruzione di un cavo sottomarino che trasmetterà energia prodotta da rinnovabili dal Nord Africa all’Europa. Si tratterà della prima infrastruttura di questo tipo nel Mediterraneo.

Il Cairo e Nicosia hanno altresì in ballo un progetto energetico congiunto per convogliare il gas naturale proveniente dal giacimento offshore Afrodite, a Cipro, negli impianti di liquefazione in Egitto, per l’esportazione nei Paesi europei e per l’uso nei mercati locali. Il governo egiziano ha riferito che il Paese avrebbe iniziato a ricevere gas cipriota entro il 2022. I due Stati hanno firmato un accordo per stabilire un gasdotto marittimo diretto il 19 settembre 2018. Più volte, le delegazioni dei due Paesi si sono incontrate per discutere della cooperazione bilaterale nel campo del petrolio e del gas naturale e della collaborazione in corso nell’ambito dell’EastMed Gas Forum.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.