Italia: la missione del ministro degli Esteri ad EXPO Dubai

Pubblicato il 24 novembre 2021 alle 16:15 in Emirati Arabi Uniti Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 23 e 24 novembre, il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, è in visita negli Emirati Arabi Uniti per una missione dedicata alla giornata nazionale italiana presso l’EXPO di Dubai.

Nel corso della missione, il ministro Di Maio avrà anche colloqui con le controparti locali intesi a confrontarsi sui principali temi dell’agenda bilaterale, dell’attualità internazionale e regionale, anche alla luce dei risultati della Presidenza italiana del G20 e della co-Presidenza della COP26. L’agenda del ministro ha previsto una visita al Padiglione Italia e l’inaugurazione della Giornata Nazionale, nel corso della quale valorizzare la filosofia ispiratrice della partecipazione italiana ad Expo Dubai 2020, luogo ove sono rappresentate alcune delle eccellenze del Made in Italy.

Come sottolineato dalla Farnesina, queste spaziano dalla cultura alla scienza, dall’imprenditoria alla tecnologia e l’evento del 2021 vuole rappresentare una linea di continuità con l’Expo di Milano 2015. Tali occasioni rappresentano “un’opportunità di promozione del Made in Italy verso i mercati a maggiore potenziale di crescita nei prossimi anni, strategici per le nostre esportazioni e anche di attrazione di investimenti”, secondo il Ministero degli Esteri italiano.

Un altro evento nell’agenda del ministro è il workshop di valorizzazione dell’Italia e di presentazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dal titolo “Italy is back on track: Recovery, Resilience and Attractiveness”. Questo vuole promuovere e rappresentare ad una platea composta da esponenti di vertice delle comunità finanziarie ed industriali degli EAU e dei Paesi del Golfo ed internazionali il processo virtuoso di rilancio dell’economia italiana, nella fase attuale di contenimento della crisi pandemica. 

Secondo l’Osservatorio Economico del Governo italiano, gli Emirati Arabi Uniti sono un importante partner in numerosi gli ambiti: da quello politico (grazie al costante dialogo sulle tematiche bilaterali e i dossier di sicurezza regionale), a quello culturale (ad Abu Dhabi è stato recentemente inaugurato il primo Istituto Italiano di Cultura nell’area del Golfo); da quello della cooperazione scientifica (che beneficia della presenza negli EAU di numerosi ricercatori italiani) a, naturalmente, quello economico.

Nel 2020, per quanto riguarda il valore dell’interscambio, con 8,4 miliardi l’Italia diventa l’8^ partner commerciale in assoluto degli EAU ed il primo tra gli Stati membri dell’UE e, quanto alle esportazioni l’Italia migliora di due livelli nel 2020,  passando dall’undicesimo  al nono posto in  tra i fornitori degli EAU, al secondo posto tra gli Stati membri dell’UE dopo la Germania. L’obiettivo del mantenimento della nostra quota di mercato in un contesto di marcata contrazione dei valori assoluti, che ci si era idealmente posti per il 2020, è stato pertanto raggiunto e il made in Italy copre negli EAU una quota di mercato del 2,68%.  Nel Paese sono presenti oltre 600 imprese italiane. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.