Giappone: tentato attacco su un treno, si temono episodi a catena

Pubblicato il 8 novembre 2021 alle 11:59 in Asia Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un uomo è stato arrestato nella mattina dell’8 novembre con l’accusa di aver tentato di appiccare un incendio in un treno ad alta velocità della linea Shinkansen diretto da Hiroshima a Kagoshima-Chuo, mentre si trovava nella prefettura di Kumamoto, nel Sud-Ovest del Giappone.  L’episodio non ha causato vittime o feriti e sembrerebbe essere stato ispirato ad un attacco con coltello e ad un incendio doloso avvenuti su un treno a Tokyo il 31 ottobre scorso.

I fatti sono avvenuti alle 8:40, ora locale, mentre il treno era in servizio nella prefettura di Kumamoto, come reso noto dall’azienda Kyushu Railway. L’allarme è stato dato dopo la comparsa di fumo all’interno della carrozza numero 3 che aveva 30 persone a bordo, inducendo il mezzo a fermarsi. Secondo quanto riferito dalla polizia, il 69enne Kiyoshi Miyake, originario di Fukuoka, è stato arrestato sul posto e ha detto di aver sparso un liquido sulla carrozza per poi dare fuoco a un pezzo di carta usando un accendino e gettarlo sul pavimento. Miyake avrebbe detto alla polizia della prefettura che, dopo aver visto la notizie a riguardo, “voleva imitare” il recente attacco con coltello e incendio doloso perpetrati su un treno a Tokyo.

Lo scorso 31 ottobre, un uomo che indossava un costume da Joker, il personaggio cattivo del film Batman, poi identificato come il 24enne Kyota Hattori, ha ferito 17 persone, di cui una gravemente, dopo aver aggredito con un coltello i passeggeri che viaggiavano su una linea ferroviaria di Tokyo. Dopo aver accoltellato i passeggeri, l’aggressore ha versato un liquido infiammabile sul treno e ha dato fuoco ai sedili delle carrozze. Kyota Hattori ha poi detto agli investigatori di adorare il Joker e di voler uccidere delle persone e ricevere la pena di morte.  Il 24enne aveva anche dichiarato di essere stato ispirato a sua volta da un precedente attacco avvenuto il 6 agosto in un treno a Tokyo.

Come riferito da Kyodo News, negli ultimi anni, si sono verificati più attacchi su treni e in stazioni ferroviarie dell’area di Tokyo.  Il 6 agosto scorso, ad esempio, il giorno prima della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Tokyo, un uomo di 36 anni aveva accoltellato 10 passeggeri, ferendoli, su un treno pendolari della Odakyu Electric Railway a Tokyo. L’aggressore, arrestato in un minimarket dopo essere scappato dalla scena del crimine, aveva riferito alla polizia che aveva intenzione di attaccare donne che sembravano felici. Nella capitale giapponese si stavano svolgendo i giochi olimpici. Per tale ragione, le misure di sicurezza nella città erano state innalzate. Tuttavia, il luogo dell’attacco del 6 agosto era lontano dall’area in cui si stavano svolgendo le manifestazioni sportive.  

Dopo tale episodio, Associated Press aveva affermato che, mentre le morti per sparatorie sono rare in Giappone, il Paese ha avuto una serie di omicidi eseguiti con coltello negli ultimi anni. Nel 2019, ad esempio, un uomo ha attaccato un gruppo di studentesse in attesa a una fermata dell’autobus appena fuori Tokyo con due coltelli, uccidendo 2 persone e ferendone 17 prima di suicidarsi. Nel 2018, invece, un altro uomo aveva ucciso un passeggero e ne aveva feriti altri 2 durante un attacco con coltello su un treno. Nel 2016, un ex dipendente di una casa per disabili avrebbe ucciso 19 persone e ne avrebbe ferite più di 20.

Rispetto agli attacchi sulla linea Shinkansen, nel giugno 2015, invece, un umo si era dato fuoco su un treno ad alta velocità uccidendo se stesso e una donna che aveva circa cinquant’anni. Un totale di altri 26 passeggeri erano rimasti feriti, di cui due in modo grave, tra i circa 800 a bordo.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione