Pakistan: approvati sussidi alimentari per 709 milioni di dollari

Pubblicato il 7 novembre 2021 alle 7:29 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro pakistano, Imran Khan, ha presentato un pacchetto di sussidi alimentari da 709,2 milioni di dollari per alleviare l’onere finanziario sulle famiglie a basso reddito mentre i prezzi dei beni di prima necessità continuano a salire.

Rivolgendosi alla Nazione, il 4 novembre, Khan ha descritto il pacchetto come “il più grande programma di welfare di sempre del Pakistan”. Il piano ha un valore di 120 miliardi di rupie, corrispondenti a circa 709,2 milioni di dollari, che il governo federale e quelli provinciali stanno erogando congiuntamente. Khan ha quindi specificato che il piano è indirizzato a tre prodotti alimentari primari, ovvero burro chiarificato, farina e legumi. Secondo il progetto, circa 20 milioni di famiglie a basso reddito avranno diritto a uno sconto del 30% sull’acquisto dei tre articoli, mentre i governi federale e provinciali daranno la differenza ai rivenditori sotto forma di sussidi. Khan ha specificato che gli aiuti dureranno sei mesi e sono rivolti alle famiglie più povere, classificate come tali dal programma di welfare Ehsaas gestito dal governo.

Come riferito da Al-Jazeera English, le famiglie pakistane hanno affrontato un aumento repentino dell’inflazione dei prezzi al consumo (CPI) negli ultimi mesi, con il CPI di ottobre 2021 che ha raggiunto il 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’inflazione nel settore alimentare per le materie prime di base è stata particolarmente elevata, con il prezzo del burro chiarificato in aumento del 43%, quello della farina del 12,97 % e quello di alcuni legumi del 17,62% nell’ultimo anno, secondo i dati di Pakistan Bureau of Statistics. La Banca Mondiale ha stimato che la pandemia di coronavirus ha colpito duramente l’economia del Paese, con un rallentamento della crescita economica allo 0,53 % nel 2020.

I prezzi di cibo, energia e altri beni essenziali sono saliti in tutto il mondo nel 2021 in concomitanza con l’allentamento delle restrizioni per arginare il coronavirus in molti Paesi, innescando carenze di approvvigionamento e ingorghi nelle catene di approvvigionamento. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha affermato che i prezzi alimentari mondiali sono aumentati per il terzo mese consecutivo a ottobre, raggiungendo un nuovo apice negli ultimi dieci anni. L’aumento del mese scorso è stato trainato da oli vegetali e cereali.

Il premier Khan ha individuato la causa dell’inflazione in Pakistan nei prezzi internazionali delle materie prime, compresa la benzina, sostenendo che il suo governo ha fatto un lavoro migliore di altri per assorbire gli aumenti dei prezzi globali. Khan ha affermato: “Cosa possiamo fare a riguardo? L’inflazione viene dall’esterno. Lasciate che Allah faccia sì che ci siano tutte queste cose nel nostro Paese, così che possiamo ridurne i prezzi, ma non per beni importati”.

Il Pakistan, che dipende in larga misura dalle importazioni di beni di prima necessità e di altri prodotti, è stato duramente colpito dalla svalutazione della sua moneta nel 2021. Da maggio la rupia pakistana ha perso il 13,1% del suo valore rispetto al dollaro USA. Il governo di Khan ha ampliato la spesa sociale durante la pandemia per far fronte alla disoccupazione e alla povertà, erogando 179 miliardi di rupie, pari a 1,06 miliardi di dollari, in sovvenzioni alle famiglie a basso reddito, nel 2021.

L’inflazione dei prezzi al consumo sembrerebbe però essere destinata a continuare ad aumentare, e Khan ha avvertito che il governo dovrà probabilmente aumentare i prezzi del petrolio e del diesel, in risposta agli aumenti dei prezzi globali del petrolio. Il Paese rimane in trattative con il Fondo monetario internazionale (FMI) per riprendere il suo accordo di salvataggio da 6 miliardi di dollari, sospeso durante la pandemia, con significativi ostacoli relativi all’indipendenza della Banca centrale del Paese e altre questioni.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.