Merkel in Italia: incontri con Draghi e Papa Francesco

Pubblicato il 8 ottobre 2021 alle 11:14 in Germania Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La cancelliera tedesca uscente, Angela Merkel, ha effettuato, giovedì 7 ottobre, una “visita d’addio” a Roma, durante la quale è stata ricevuta dal primo ministro italiano, Mario Draghi, e da Papa Francesco. Il premier ha rivolto un ringraziamento speciale alla leader di lunga data per essere stata una figura chiave del progresso europeo. “Ringrazio la cancelliera, a nome mio e del governo, per il ruolo decisivo che ha svolto nel disegnare il futuro dell’Europa in questi anni”, ha dichiarato Draghi, in una conferenza stampa congiunta, dopo il colloquio bilaterale.

Il premier, dicendosi “grato” per gli scambi avuti con la cancelliera, ha ricordato che la Merkel, nei suoi 16 anni al governo, ha sempre “sostenuto l’indipendenza della Bce“. Dal canto suo, la leader tedesca ha sottolineato l’esigenza di continuare a lavorare sui futuri investimenti da fare, a partire dalla crisi del coronavirus, e di procedere con passo spedito sulla strada dell’avanzamento dell’UE. “Dobbiamo lavorare insieme, anche sulla Libia, dove l’Italia è molto coinvolta. Questo è il momento della collaborazione”, ha affermato la Merkel, assicurando: “Il mio amore per l’Italia continuerà, farò un viaggio a Roma, tornerò in Italia in altre forme”.

Draghi ha ribadito il fatto che Italia e Germania debbano coordinarsi maggiormente per allineare le loro posizioni soprattutto sulla gestione delle pratiche ambientali ed energetiche, specialmente per quanto riguarda l’impatto di queste politiche sulle imprese dei due Paesi. Il premier ha aggiunto che il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) riuscirà ad alimentare una crescita robusta e ha definito questa iniziativa una “opportunità straordinaria”, specificando che permetterà all’Italia di rinnovarsi in molteplici campi e di colmare le sue lacune nei confronti degli altri Paesi. La Merkel, dal canto suo, si è detta sicura che i 191 miliardi di euro assegnati dall’Unione sarebbero stati spesi bene da Roma e ha definito “eccellente” il piano di Draghi.

La visita della cancelliera uscente era iniziata in mattinata in Vaticano. Prima di incontrare Draghi, la Merkel aveva avuto un colloquio a porte chiuse, durato circa 45 minuti, con Papa Francesco. “E’ stato un grande onore e una gioia incontrare in udienza privata Papa Francesco, che rivedrò questo pomeriggio a Sant’Egidio. Abbiamo avuto scambi sui problemi della Chiesa, ma anche sulle sfide politiche, come quelle dell’Unione europea”, aveva detto la leader tedesca al termine dell’incontro con il Pontefice, aggiungendo, rispetto alle questioni affrontate: “Abbiamo discusso della Conferenza per il clima che avrà luogo a Glasgow. Nel colloquio è stato molto importante l’Accordo di Parigi ed è incoraggiante che anche nella Chiesa cattolica ci sia questo tema di conservazione del creato”. La Santa Sede ha poi precisato che i due avrebbero altresì parlato “delle molteplici crisi in atto, con particolare riferimento alle conseguenze dell’emergenza sanitaria e delle migrazioni”. Il Pontefice ha donato alla cancelliera un quadro in bronzo raffigurante la Porta Santa della basilica vaticana e diversi volumi con le sue Encicliche, il Messaggio per la pace di quest’anno e il Documento sulla Fratellanza umana. La Merkel, invece, ha donato a Papa Francesco un volume su Michelangelo, tre libri con i commenti ai Vangeli e alcuni prodotti alimentari. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.