Donbass: aumentano le violazioni del cessate il fuoco

Pubblicato il 5 ottobre 2021 alle 20:33 in Europa Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nonostante il cessate il fuoco del 27 luglio 2020, continuano gli scontri tra le forze separatiste e l’Esercito di Kiev nel Donbass, area dell’Ucraina Orientale. Le prime hanno denunciato, martedì 5 ottobre, numerosi attacchi da parte dell’Esercito ucraino, accusandolo di servirsi di lanciagranate.

A riportare la notizia, il medesimo martedì, è stata l’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti. Gli scontri si sono verificati nei pressi della cittadina di Golubovsky, situata nell’area posta sotto il controllo dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk (LPR), nel Donbass. Secondo quanto dichiarato dal Centro Congiunto per il Controllo e il Coordinamento del regime del cessate il fuoco (JCCC) della LPR, nell’ultimo periodo, si sarebbero intensificati gli attacchi di Kiev, anche nei pressi di aree residenziali.

Il giorno precedente, lunedì 4 ottobre, il Joint Forces Operation (JFO) dell’Ucraina dell’Est ha dichiarato che i militanti hanno aperto il fuoco contro le postazioni di Kiev nei pressi di Lebedynske, a 16 chilometri a Est da Mariupol, servendosi di lanciagranate e fucili. Analoghi disordini sono stati denunciati vicino Novotoshkivske, villaggio a 53 chilometri a Ovest da Lugansk. Tali informazioni sono poi state confermate dal Ministero della Difesa dell’Ucraina, dove è stato chiarito che le divisioni di Kiev non hanno registrato alcuna vittima. Inoltre, nella regione di Lukansk, i radar ucraini hanno altresì intercettato la presenza di un drone Orlan-10, il quale sorvolava la linea di contatto. Infine, la missione dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) nel Donbass ha reso noto che, tra il primo e il 3 ottobre, sono state registrate un totale di 157 violazioni delle misure del cessate il fuoco, tra le quali sono state segnalate anche 15 esplosioni nell’area di Lugansk.  

Tali sviluppi giungono dopo che, il 23 settembre, le autorità di Kiev avevano dichiatato che due militari delle proprie Forze Armate di stanza nel Donbass erano rimasti gravemente feriti negli scontri avviati dalle “Forze di occupazione russe”. Anche il 17 settembre, le autorità delle autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk (DPR) e Lugansk avevano reso noto che, a seguito dei bombardamenti perpetrati dalle Forze Armate di Kiev, 3 residenti del Donbass erano rimasti gravemente feriti. In tale quadro, è importante sottolineare che l’Ucraina accusa la Russia di supportare, sia militarmente sia economicamente, le brigate separatiste della DPR e della LPR. Inoltre, secondo Kiev, Mosca invierebbe mercenari, sia russi sia di altre nazionalità, nelle aree di conflitto per sostenere i militanti separatisti. Pertanto, nelle comunicazioni ufficiali, per identificare le milizie della DPR e della LPR, non di rado l’Ucraina fa riferimento ai “mercenari russi”.

Il 9 settembre, a causa dell’incremento delle violazioni del cessate il fuoco, è stata registrata una “riacutizzazione” del conflitto nel Donbass, dove da una parte vi sono i militanti separatisti delle autoproclamare Repubbliche Popolari di Donetsk (DPR) e Lugansk (LPR), sostenuti militarmente ed economicamente dalla Russia, e dall’altra le Forze Armate dell’Ucraina, le quali tentano di riottenere la sovranità del territorio. In tale occasione, le autorità ucraine avevano dichiarato che i militanti indipendentisti avevano lanciato una serie di bombardamenti a Donetsk, provocando gravi ferite ad almeno sei soldati dell’Esercito di Kiev. Dall’altra parte, i separatisti avevano rivelato che gli scontri perpetrati da Kiev hanno ferito due civili.

Il bombardamento del 9 settembre era iniziato alle 8:00 ora locale, vicino alla stazione ferroviaria di Skotuvata, a circa 20 km a Nord della città di Donetsk. A riferirlo era stato un portavoce dell’ente ferroviario ucraino, Ukrzaliznytsya, il quale aveva aggiunto che, a causa dei raid, erano stati temporaneamente interrotti i servizi di trasporto via treno. Nonostante non fossero stati riportati danni alle infrastrutture, al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori e dei passeggeri, i civili erano stati fatti evacuare dall’area. La cittadina di Skotuvata è principalmente posta sotto il controllo dei separatisti, a differenza della sezione a Nord, gestita dal governo di Kiev. Dall’altra parte, un portavoce dei miliziani, Eduard Basurin, aveva rivelato a Reuters che gli scontri sarebbero stati avviati dalla parte ucraina, accusata di aver violato 7 volte le misure del cessate il fuoco. “Siamo stati costretti a rispondere al fuoco”, aveva dichiarato Basurin.

È importante ricordare che, a partire da luglio 2020, il Gruppo di Contatto Trilaterale (GCT) aveva concordato il cessate il fuoco nel Donbass. L’accordo prevedeva l’osservanza di misure pacifiche quali il divieto di sparare e di collocare armi sia nelle vicinanze, sia all’interno degli insediamenti militari. Le misure, inoltre, prevedevano responsabilità disciplinare per chiunque avesse violato tali imposizioni. Tuttavia, le forze dell’ordine ucraine hanno più volte denunciato la violazione dell’accordo da parte delle forze separatiste delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk. Analogamente, le forze della LPR e DPR hanno segnalato numerose violazioni del cessate il fuoco da parte dell’Ucraina stessa.

Infine, la crisi nel Donbass è iniziata sette anni fa, il 23 febbraio 2014. All’epoca, nell’Est dell’Ucraina iniziarono azioni di protesta contro la sostituzione dell’allora presidente ucraino, Viktor Janukovič, di stampo filo-russo, con il nuovo governo filo-occidentale che si era insediato a Kiev. I manifestanti, che ritenevano il nuovo governo “illegittimo”, chiesero la federalizzazione del Paese e l’indipendenza delle aree di Donetsk e Lugansk. L’ondata di proteste si tradusse, il 6 aprile 2014, nell’occupazione dei palazzi dei Consigli regionali dei suddetti territori. Il giorno dopo, il 7 aprile, le autorità locali russofone indipendentiste proclamarono la nascita delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Più tardi, l’11 maggio 2014, il referendum per l’indipendenza delle due aree confermò la volontà dei separatisti. Mosca, che il 16 marzo dello stesso anno aveva “illegalmente” annesso la Crimea al suo territorio, sostenne le due nuove Repubbliche. L’Ucraina non accettò la perdita delle due aree e tentò, a partire da giugno 2014, di riprenderne il controllo.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Anna Peverieri, interprete di russo e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.