Pakistan: attacchi dal confine iraniano

Pubblicato il 30 settembre 2021 alle 12:52 in Iran Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Esercito pakistano ha reso noto che un soldato è morto e un altro è stato ferito durante un attacco contro un avamposto del corpo paramilitare Frontiers Corps condotto dal territorio iraniano con armi di piccolo calibro, nell’area di Chukab, nella provincia del Balochistan, il 28 settembre. Parallelamente, i militari hanno dichiarato di aver ucciso 10 terroristi nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa, al confine con l’Afghanistan, senza però specificare a quali gruppo appartenessero.

L’Esercito pakistano ha identificato la vittima del 28 settembre nel Balochistan in Sepoy Maqbool Shah e ha affermato di aver avvertito le autorità iraniane competenti.  Al momento, l’attacco non è stato ancora rivendicato.

A Khyber Pakhtunkhwa, nel distretto di Waziristan del Sud, invece, le forze di sicurezza pakistane hanno dichiarato di aver ucciso 10 militanti, tra cui quattro comandanti degli insorti, in una sparatoria in un’ex roccaforte talebana nel Nord-Ovest del Paese. Secondo un comunicato militare, le truppe hanno anche sequestrato un deposito di armi durante l’operazione ma non hanno identificato il gruppo militante a cui appartenevano i combattenti. Le forze di sicurezza si sono limitate a dichiarare che i combattenti uccisi erano collegati ad attacchi passati contro civili e forze di sicurezza e che gli insorti stavano pianificando di effettuare altre operazioni. La regione di Khyber Pakhtunkhwa è stata teatro di recenti e ripetuti attacchi contro il personale militare e civile  impegnato nella vaccinazione contro la poliomielite.

Il Waziristan del Sud è stato poi utilizzato come base per i talebani pakistani e altri militanti fino a pochi anni fa, quando l’esercito ha dichiarato di aver liberato la regione dagli insorti, ma gli attacchi occasionali sono continuati. I talebani pakistani, anche noti come Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP), sono una diramazione del gruppo dei talebani afghani che si è formata a partire da gruppi di talebani presenti e operativi in Pakistan che si sono riuniti nel 2007 e che sono fedeli alla leadership dei talebani afghani. L’obiettivo del TTP è quello di portare la legge della Sharia in Pakistan e sovvertire il governo di Islamabad con attacchi all’esercito e alle autorità. Così come i talebani afghani, anche il TTP promuove una linea conservatrice dell’Islam e la sua ideologia è vicina a quella di Al-Qaeda. Il leader del TTP è Noor Wali Mehsude il suo vice, Faqir Muhammad, è stato liberato durante l’ascesa in Afghanistan dai talebani locali, culminata con la presa di Kabul del 15 agosto scorso.  Il gruppo ha legami con Al-Qaeda soprattutto nelle aree di confine tra Pakistan e Afghanistan.

I talebani pakistani sono presenti in varie aree del Paese tra cui anche la provincia del Balochistan, teatro dei fatti del 28 settembre. Tuttavia, nell’area sono presenti anche gruppi separatisti di etnia baloch e gruppi filo-ISIS che conducono vari attacchi. Negli ultimi anni, ad esempio, i separatisti baloch in particolare sono stati responsabili di attacchi indirizzati ai progetti del Corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), che passa per il Balochistan e che sarà realizzato da Pechino e Islamabad nell’ambito del grande progetto infrastrutturale e di finanziamenti delle Nuove Vie della Seta e nel quale il governo cinese intende investire circa 62 miliardi di dollari. Il Balochistan, situato al confine con l’Iran e l’Afghanistan, è la più grande provincia del Pakistan, nonché la meno popolata e la meno sviluppata. Il suo territorio dispone di ricche risorse naturali e gli abitanti locali hanno spesso lamentato di non ricevere una parte della ricchezza derivante dal gas e dai minerali ricavati in loco.

Gli eventi del 28 settembre nel Balochistan sono avvenuti a poca distanza dalla riapertura del confine tra Pakistan e Iran il 20 settembre scorso, dopo quattro mesi di chiusure. Il confine tra Pakistan e Iran si estende per circa 800 km lungo il lato occidentale del Pakistan e quello orientale dell’Iran ed è stato teatro di numerosi incidenti di sicurezza negli ultimi anni, principalmente contro le forze iraniane.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.