Turchia, Pakistan e Azerbaigian avviano le esercitazioni militari Three Brothers-2021

Pubblicato il 13 settembre 2021 alle 14:06 in Azerbaigian Pakistan Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le Forze Armate di Azerbaigian, Turchia e Pakistan hanno avviato, domenica 12 settembre, esercitazioni militari su larga scala, denominate “Three Brothers-2021”. Tali manovre si svolgeranno sul territorio azero, principalmente nei pressi della capitale Baku, e si concluderanno il 20 settembre.

La medesima domenica si è altresì svolta la cerimonia di apertura, durante la quale è stato osservato un minuto di silenzio per commemorare i “martiri” dei Paesi, mentre le bandiere di Turchia, Pakistan e Azerbaigian erano innalzate al cielo. Durante il suo intervento alla cerimonia, il comandante delle Forze speciali azere, il tenente Hikmat Mirzayev, si è detto lieto di accogliere nel proprio Stato gli Eserciti di Ankara e Islamabad. Il Ministero della Difesa di Baku ha poi sottolineato che “Azerbaigian, Turchia e Pakistan sono entrati nella storia dell’umanità come intimi amici e fratelli. Al centro di queste relazioni vi sono gli stretti legami tra i nostri popoli. Le solidarietà e il sostegno della Turchia e del Pakistan all’Azerbaigian ne sono una prova concreta”, ricordando le operazioni militari di controffensiva, avviate il 27 settembre 2020, e durate circa 44 giorni. Attraverso tali parole, il Ministero di Baku stava facendo riferimento al secondo conflitto nel Nagorno Karabakh, territorio conteso tra Armenia e Azerbaigian, conclusosi il 9 novembre 2020 grazie ad un accordo di pace trilaterale mediato dalla Russia.

“Oggi, la cooperazione tra i nostri Paesi si è estesa a tutte le aree, raggiungendo i massimi livelli. Sono state adottate importanti misure per rafforzare e sviluppare ulteriormente le nostre relazioni, al fine di garantire la sicurezza della regione e dei cittadini”, ha affermato Mirzayev. Poco dopo, il tenente azero ha rivelato di sperare che le manovre trilaterali possano offrire ai militari dei tre Paesi la possibilità di condividere le proprie esperienze, capacità e opinioni. In tal modo, Three Brothers- 2021 contribuiranno ulteriormente a rafforzare e migliorare la coordinazione dei tre Stati, nonché la formazione professionale dei soldati.

Nel frattempo, I capi delle delegazioni turca e pakistana, rispettivamente il tenente colonnello Kursat Konuk e il tenente colonnello Aamir Shahzad, hanno affermato che il legame di amicizia esistente tra le nazioni e gli Eserciti “reggerebbe alla prova del tempo”, anche in un contesto globale in rapida evoluzione. I “tre fratelli si avvicineranno” come partner e collaboratori regionali affidabili, nonostante i cambiamenti nel quadro politico internazionale, hanno riferito le due delegazioni. Secondo quanto reso noto, le esercitazioni militari congiunte sono state avviate al fine di “rafforzare ulteriormente i legami esistenti” tra gli Eserciti, nonché a fornire l’opportunità di scoprire nuovi modi per combattere il terrorismo.

L’annuncio delle operazioni trilaterali è stato rilasciato il giorno prima, sabato 11 settembre, dal Ministero della Difesa dell’Azerbaigian. In tale quadro, è importante sottolineare che la Turchia e l’Azerbaigian sono legati da storiche e forti relazioni bilaterali, poiché i due Paesi adottano il motto “una nazione, due Stati”, per fare riferimento al legame che li accomuna. Durante la sua presidenza, il capo di Stato di Ankara, Recep Tayyip Erdogan, si è recato in visita ufficiale nel Paese Asiatico più di 20 volte, mentre quelle delle delegazioni turche hanno superato le centinaia. Secondo analisti della testata azera AZERTAC, lo svolgimento delle esercitazioni militari “Tre fratelli-2021” è di buon auspicio per l’ulteriore rafforzamento del partenariato strategico trilaterale e della cooperazione militare tra i tre Paesi.

Il suddetto quotidiano, inoltre, ha rivelato che le relazioni tra Pakistan e Azerbaigian si sono intensificate grazie a precedenti edizioni di esercitazioni militari bilaterali, segnalando la nascita di una nuova partnership di difesa nella regione. Da parte sua, Islamabad ha fornito assistenza a Baku in termini di addestramento militare, navale e aeronautico. Inoltre, l’Azerbaigian e il Pakistan possiedono armi e sistemi di veicoli militari relativamente simili, di conseguenza, analisti azeri ritengono che si tratterebbe di un punto di partenza ottimale per intensificare il partenariato bilaterale. Quest’ultimo è stato particolarmente rilanciato in occasione di un incontro ufficiale, tenutosi lo scorso 21 giugno. In tale occasione, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale del Pakistan, Qamar Javed Bajwa, si è recato a Baku per incontrare il presidente del Paese, Ilham Aliyev, e il ministro della Difesa, il colonnello generale Hasanov Zakir Asgar oglu. La visita di due giorni ha permesso di approfondire e portare ad un livello ancora maggiore la cooperazione bilaterale, non solo nel campo della difesa, ma anche nel settore economico, politico, di investimenti ed energetico.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Anna Peverieri, interprete di russo e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.