Australia: i ministri di Esteri e Difesa iniziano un tour diplomatico in Indonesia

Pubblicato il 9 settembre 2021 alle 11:11 in Australia Indonesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

 

I ministri della Difesa e degli Esteri di Indonesia e Australia si sono incontrati a Jakarta, il 9 settembre. Le parti  hanno rinnovato un patto di difesa e hanno deciso di intensificare i legami di addestramento, firmando una serie di accordi di sicurezza.

La ministra degli Esteri indonesiana, Retno Marsudi, ha affermato che le parti hanno siglato memorandum d’intesa in materia di antiterrorismo, difesa e sicurezza informatica. Il ministro della Difesa dell’Indonesia, Prabowo Subianto, ha poi aggiunto che i quattro hanno parlato della possibilità che i cadetti militari indonesiani frequentino accademie australiane. I quattro ministri hanno affermato che altre aree discusse sono state la pace e la sicurezza nell’Indo-Pacifico e gli sviluppi politici in Afghanistan e in Myanmar. Rispetto a quest’ultimo, i quattro ministri hanno espresso sostegno agli sforzi di pace profusi dall’inviato dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN). Il ministro della Difesa australiano, Peter Dutton, ha poi affermato che l’Indonesia e l’Australia devono essere “ancore” nella regione dell’Indo-Pacifico che è al centro di crescenti tensioni.

L’incontro del 9 settembre della ministra degli Esteri australiana, Marise Payne, e del ministro della Difesa Dutton si colloca nel quadro della prima visita di livello ministeriale condotta dall’Australia dall’inizio della pandemia. La visita a Jakarta fa parte di una serie di incontri tra i ministri degli Esteri e della Difesa australiani con i loro omologhi nell’Indo-Pacifico, che includeranno tappe a Nuova Delhi, Seoul, Washington e New York.

Il 9 settembre, una fonte del governo giapponese ha rivelato che il primo incontro in persona tra i leader di Stati Uniti, Giappone, India e Australia si terrà negli USA a fine settembre. Durante l’incontro i leader dei quattro Paesi parleranno della libertà e dell’apertura dell’Indo-Pacifico e delle politiche di prevenzione dell’epidemia di coronavirus. Il primo ministro giapponese, Yoshihide Suga, visiterà gli Stati Uniti per partecipare all’incontro e avrà un incontro con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Il mandato di Suga, esponente del Partito Liberal Democratico scadrà il 30 settembre, quando si dimetterà da premier del Giappone e la sua partecipazione ad attività diplomatiche su larga scala è stata definita una “rara eccezione” da parte di media giapponesi citati da Huanqiuwang.

Per la Cina, il concetto di “Indo-Pacifico libero e aperto” sarebbe stato promosso da Stati Uniti, Giappone e altri Paesi solo negli ultimi anni. In passato, il Ministero degli Affari Esteri cinese ha affermato che tutte le parti coinvolte nella regione dovrebbero concentrarsi sulla risoluzione dei problemi anziché “giocare con i concetti”. Per la Cina, le parti dovrebbero sostenere lo spirito di apertura e tolleranza, piuttosto che formare raggruppamenti contro terze parti per considerazioni geopolitiche.

USA, Australia, India e Giappone sono i Paesi membri del Quadrilateral Security Dialogue (Quad), n forum strategico informale riunitosi per la prima volta nel 2004, in risposta a catastrofi naturali che avevano interessato l’Oceano Pacifico. Di recente, il gruppo si è concentrato sulla tematica dell’apertura e della libertà della regione Indo-Pacifica. Pechino ritiene che il gruppo Quad avrebbe come obiettivo il contenimento dello sviluppo regionale cinese. Australia, USA, Giappone e India hanno tutte di recente attraversato momenti di conflittualità più o meno accesi con la Cina e gran parte delle tematiche di scontro sono ancora oggi aperte.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.