Egitto e Cipro partecipano ad esercitazioni militari congiunte

Pubblicato il 3 settembre 2021 alle 15:07 in Cipro Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nella giornata di giovedì 2 settembre, ha preso avvio, tra Egitto e Cipro, l’esercitazione militare “Tolomeo 2021”, che vede la partecipazione di forze speciali di entrambi i Paesi e si svolge nell’arco di più giorni. Contemporaneamente, sono stati avviati gli addestramenti congiunti previsti dall’esercitazione multinazionale “The Bright Star 2021”, in corso presso la base militare di Mohamed Naguib, a Marsa Matrouh, in Egitto, alla presenza di 21 Paesi.

Secondo quanto riferito da quotidiani egiziani, la prima fase di “Tolomeo 2021” prevede lo svolgimento di una serie di corsi teorici e pratici con l’obiettivo di unificare i concetti di combattimento e affinare le abilità delle forze partecipanti. L’addestramento si inserisce nel piano di esercitazioni congiunte tra forze armate di Paesi alleati per trasferire e scambiare esperienze, migliorare gli aspetti della cooperazione militare e sviluppare il lavoro congiunto tra le parti, sottolineano le fonti. In un comunicato stampa, il Ministero della Difesa di Cipro ha rilevato che l’addestramento congiunto delle forze dei due Paesi costituisce la prova tangibile della volontà dei rispettivi governi di incentivare una più stretta cooperazione volta a rafforzare la sicurezza e la stabilità nella più ampia regione del Mediterraneo orientale.

Nello stesso quadro rientrano anche le esercitazioni “The Bright Star 2021”, che si svolgeranno dal 2 al 17 settembre. Si tratta di una serie di attività di addestramento militare ospitate in Egitto, in collaborazione con gli Stati Uniti, ogni due anni. L’ultimo appuntamento si è tenuto nel 2018, poiché quello dell’anno scorso è stato annullato a causa del Covid. Bright Star è stata lanciata nel 1980 come parte del trattato di pace mediato dagli Stati Uniti tra Egitto ed Israele.

All’inizio dell’esercitazione, il capo dell’Autorità di addestramento delle forze armate egiziane ha affermato che il Comando generale è entusiasta di condurre l’esercitazione militare “The Bright Star 2021”, considerata una delle più grandi e importanti manovre militari a livello globale, data la dimensione delle forze partecipanti. Anche Cipro è tra i Paesi che prenderanno parte all’iniziativa. Secondo una nota del Ministero della Difesa, la Guardia nazionale cipriota parteciperà all’esercitazione con la nave d’altura “IOANNIDIS”, una missione di 70 ufficiali del Comando delle Forze Speciali e osservatori-ufficiali dell’Artiglieria e dei Veicoli Blindati. Alla manovra prenderà parte anche la Grecia, con le sue forze aeree, marittime e terrestri.

A simboleggiare la vicinanza tra Il Cairo e Nicosia, si ricorda che, il 4 settembre, si svolgerà in Egitto il primo incontro intergovernativo tra i due Paesi. Il vertice vedrà la partecipazione delle delegazioni dei due Stati, guidate dai rispettivi presidenti, Abdel Fattah al-Sisi e Nicos Anastasiades. Quest’ultimo sarà accompagnato nella capitale egiziana dal ministro degli Esteri, Nikos Christodoulides, dal ministro dell’Energia, del Commercio e dell’Industria, Natasa Pilides, dal ministro dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e dell’Ambiente, Costas Kadis, dal ministro della Difesa, Charalambos Petrides, dal viceministro dei Trasporti marittimi, Vassilis Demetriades, e dal portavoce del governo, Marios Pelekanos. Durante il vertice, le due parti dovrebbero discutere un ampio spettro di questioni riguardanti le relazioni bilaterali egiziane e cipriote.

Il Cairo e Nicosia hanno in ballo un progetto energetico congiunto che prevede che il gas naturale, proveniente dal giacimento offshore Afrodite, a Cipro, venga convogliato negli impianti di liquefazione, in Egitto, per la riesportazione nei Paesi europei e per l’uso nei mercati locali. Precedenti dichiarazioni del governo egiziano avevano riferito che il Paese avrebbe iniziato a ricevere gas cipriota entro il 2022. I due Stati hanno firmato un accordo per stabilire un gasdotto marittimo diretto il 19 settembre 2018. Più volte, le delegazioni dei due Paesi si sono incontrate per discutere della cooperazione bilaterale nel campo del petrolio e del gas naturale e della collaborazione in corso nell’ambito dell’EastMed Gas Forum.

L’Egitto possiede due impianti di liquefazione del gas naturale, uno ad Est di Alessandria, a Idku, di proprietà della Egyptian Liquefied Natural Gas, e l’altro nella città portuale di Damietta, appartenente alla spagnola Union Fenosa, in collaborazione con l’italiana Eni. Il Ministero del Petrolio e delle Risorse minerarie del governo del Cairo partecipa del 12% all’impianto di Idku attraverso l’Egyptian Natural Gas Holding Co. (EGAS). Con la stessa percentuale contribuisce anche l’Egyptian General Petroleum Corp. (EGPC), mentre la Shell partecipa del 35,5%, come la compagnia del gas e del petrolio della Malesia, Petronas. La multinazionale francese Total contribuisce invece per circa il 5% all’impianto. Per quanto riguarda il secondo sito, quello di Damietta, la gestione è in mano alla Union Fenosa, ma l’80% del progetto è di proprietà congiunta tra la compagnia spagnola e l’italiana Eni, con EGPC ed EGAS che detengono il resto delle azioni al 10% ciascuna.

L’accordo tra Egitto e Cipro assume notevole importanza anche alla luce delle controversie con la Turchia riguardanti le rivendicazioni energetiche nel Mediterraneo orientale. Qui, Ankara ha avviato, nei mesi passati, varie esplorazioni al largo delle coste greche e cipriote, nonostante gli avvertimenti di Nicosia ed Atene che ritengono di avere la sovranità su quelle porzioni di mare territoriale. Lo stesso diritto è rivendicato però dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che non intende rinunciare alle trivellazioni in quelle aree.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.