Immigrazione: gli ultimi sbarchi a Lampedusa

Pubblicato il 24 agosto 2021 alle 17:22 in Immigrazione Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 507 migranti sono sbarcati sull’isola di Lampedusa nelle ultime 24 ore. Dalla mezzanotte all’alba di martedì 24 agosto sono stati circa 13 gli sbarchi, con un totale di 272 migranti approdati. Il giorno prima, lunedì 23 agosto, almeno 10 barconi erano arrivati sull’isola, portando in totale circa 235 migranti. L’hotspot di Lampedusa, che possiede una capacità di circa 250 persone, ne sta ospitando ora almeno 865. La rinnovata ondata migratoria suscita preoccupazione e alimenta le posizioni dei politici di destra, come il leader della Lega Matteo Salvini che ha accusato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, di inerzia sulla questione.

Gli ultimi 4 barchini arrivati prima della mezzanotte a Lampedusa sono stati soccorsi dalle motovedette della Capitaneria di porto e dei carabinieri. Su un’imbarcazione, partita da Zuwara, erano in 39. Su un’altra, partita da Djerba, erano in 6. Sulla terza, salpata da Chebba, sono stati bloccati in 16, fra cui 2 donne e 2 minori. Infine, sull’ultima, c’erano 9 tunisini intercettati dalla motovedetta dei carabinieri dopo essere partiti anche loro da Chebba. Dalla mezzanotte, invece, sono stati individuati, prima, 4 barchini, a bordo dei quali vi erano rispettivamente 17, 16, 11 e 14 tunisini e subsahariani, poi un’altra imbarcazione, con a bordo 14 subsahariani, fra cui 8 donne, partita da Sfax. Nel corso della giornata, altri salvataggi sono stati effettuati dalle motovedette della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza. Sono 107 i migranti che, dopo essere stati sottoposti a tampone rapido anti-Covid ed essere stati pre-identificati, sono stati trasferiti in mattinata, con il traghetto di linea, da Lampedusa a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. Il trasferimento, disposto dalla Prefettura, d’intesa con il Viminale, e coordinato dalla polizia, lascia nell’hotspot di Lampedusa circa 758 ospiti.

Secondo gli ultimi dati forniti dal Ministero dell’Interno italiano, da agosto 2020 a luglio 2021 in Italia è stato registrato un aumento del 128% del numero di migranti giunti nel Paese, rispetto all’anno precedente. Parallelamente, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) ha riportato una forte crescita delle ondate di migranti in partenza dalle coste libiche e diretti verso l’Europa.

Stando a quanto riportato dal Ministero italiano e riferito dalla ministra Luciana Lamorgese in occasione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, il 15 agosto, dal primo agosto 2020 al 31 luglio 2021 sono sbarcati in Italia 49.280 migranti, pari al 128 % in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I minori non accompagnati sono stati 7.843, con un aumento del 155,26%, mentre gli scafisti arrestati sono stati 147. Al contempo, sempre nel periodo agosto 2020-luglio 2021, sono aumentati anche i cosiddetti sbarchi autonomi, che rappresentano l’82,6% del totale, rispetto al 75,6% dell’anno precedente. Le operazioni di soccorso hanno consentito il salvataggio di 8553 persone complessivamente. Di queste, quelle soccorse in mare da organizzazioni non governative sono state pari a 4239. Nel 2020, l’Italia aveva accolto 21.616 migranti, mentre erano stati 8691 i migranti sbarcati da agosto 2018 a luglio 2019. Circa i Paesi di provenienza, è la Libia a detenere il primato, in quanto è da qui che ha origine il 45,3% dei migranti giunti in Italia. A seguire, vi è la Tunisia, con il 35,9%, e Turchia, Algeria, Grecia, Egitto e Montenegro.

I dati sulla Libia sono stati confermati anche dall’OIM, la quale ha riferito, il 17 agosto, che il numero di migranti libici desiderosi di raggiungere l’Europa è raddoppiato da gennaio ad agosto 2021. Il numero di persone intercettate o soccorse in mare e riportate in Libia ha toccato quota 20.257, equivalente grossomodo al numero di migranti salvati in un anno intero, nel 2020. Questi cercano di raggiungere le coste italiane, distanti circa 300 chilometri dal Paese Nord-africano, a sua volta punto di partenza per decine di migranti provenienti soprattutto dall’Africa subsahariana, e perlopiù in fuga da conflitti, persecuzioni o da condizioni di povertà.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.