Indonesia: Pertamina prende il controllo del giacimento di Rokan da Chevron

Pubblicato il 9 agosto 2021 alle 20:42 in Indonesia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La compagnia petrolifera statale dell’Indonesia Pertamina ha assunto il controllo del giacimento di petrolio e gas di Rokan, a Riau, il 9 agosto, dopo una transizione di proprietà dalla compagnia statunitense Chevron, durata due anni. Il sito è uno tra i giacimenti petroliferi più lucrativi di tutta l’Indonesia.

La controllata a monte di Pertamina, PT Pertamina Hulu Rokan (PHR), ha rilevato il blocco dalla diramazione locale di Chevron, PT Chevron Pacific Indonesia (CPI), nella notte tra l’8 e il 9 agosto, segnando la fine dei 97 anni di gestione del blocco Rokan da parte di Chevron. Il blocco Rokan è attualmente il secondo giacimento petrolifero più produttivo dell’Indonesia, dopo quello di Cepu, a Java Occidentale. In passato, è stato il sito petrolifero più produttivo del Paese e la spina dorsale dell’appartenenza del paese alla potente Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC).

Durante la cerimonia di acquisizione, il ministro dell’Energia e delle Risorse Minerarie dell’Indonesia, Arifin Tasrif,  ha affermato che l’operazione è una pietra miliare nella storia del petrolio e del gas a monte dell’Indonesia. Il ministro ha aggiunto che PT CPI ha gestito bene il giacimento e, per questo, ha affermato di sperare che PHR possa preservare il successo nello sviluppo del sito.

Pertamina ha vinto i diritti di operatore sul Rokan Block nel luglio 2018 dopo aver battuto CPI in un’asta. Pertamina aveva quindi firmato un contratto di condivisione della produzione (PSC) con il governo indonesiano nel maggio 2018, segnando l’inizio della transizione da completare entro agosto 2021. Al tempo, alcuni critici avevano affermato che il passaggio di Rokan a Pertamina esemplificava come il settore energetico indonesiano fosse stato gestito secondo un’agenda nazionalista, in particolare in vista delle elezioni presidenziali del 2019, ma l’allora ministro dell’Energia, Arcandra Tahar, aveva risposto affermando che Pertamina aveva vinto grazie ad un’offerta “di gran lunga migliore” di CPI.

L’8 agosto, il capo della Upstream Oil and Gas Special Regulatory Taskforce (SKKMigas), Dwi Soetjipto, ha dichiarato che PHR ha posto l’obiettivo di aumentare la produzione del giacimento a 165.000 barili di petrolio al giorno (bopd) entro la fine del 2021. Tal cifra rappresenterebbe un aumento del 2,7% rispetto alla produzione del blocco al 30 giugno scorso, pari a di 160.646 bopd, pari al 24% della produzione nazionale.

La task force aveva precedentemente riconosciuto che la transizione avrebbe potuto ridurre la produzione di petrolio dal giacimento, già in via di invecchiamento. Il sito ha prodotto quasi un milione di bopd nel 1973, un periodo in cui l’Indonesia produceva circa 1,3 milioni di bopd, una produzione sufficiente per il Paese del sud-est asiatico per garantire un surplus commerciale e un poto all’OPEC. Un ulteriore calo della produzione del blocco sarebbe dannoso per l’obiettivo del governo di produrre 1 milione di bopd entro il 2030 per raggiungere la sicurezza energetica.  Oltre al petrolio, il giacimento ha anche prodotto 41 milioni di piedi cubi standard al giorno (mmscfd) di gas al 30 giugno scorso, pari al 7% della produzione nazionale. SKKMigas e Chevron avevano firmato un accordo sulla consegna del blocco il 29 settembre 2020. SKKMigas ha scritto in una dichiarazione ddell’8 agosto che CPI ha perforato 103 pozzi di sviluppo tra il giorno della firma dell’accordo e l’8 agosto per mantenere i livelli di produzione.

Il presidente e direttore di Pertamina, Nicke Widyawati, ha dichiarato che Pertamina prevede di investire 2 miliardi di dollari nello sviluppo del giacimento di Rokan fino al 2025. La società statale dovrebbe perforare 161 nuovi pozzi di petrolio e gas entro la fine del 2021 e 500 nuovi pozzi nel 2022 per mantenere i livelli di produzione. L’azienda ha anche formato un team di transizione per supervisionare i processi di produzione, finanza e progettazione e ingegneria delle strutture. PHR dovrebbe gestire il blocco per 20 anni. La società è inoltre tenuta a trasferire il 10 percento del controllo sul blocco a un’impresa di proprietà della regione.

La presenza di Chevron nel giacimento di Rokan era iniziata nel 1924 quando la compagnia, allora chiamata Standard Oil Company of California (Socal), aveva inviatoquattro geologi per studiare l’area. L’azienda ha scoperto il petrolio nel giacimento di Duri nel 1941 e nel giacimento di Minas nel 1944. Ha iniziato la produzione nel 1951 e ha prodotto complessivamente 11,69 miliardi di barili di petrolio.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione