Bolivia: la giustizia prolunga la detenzione preventiva di Áñez per altri 6 mesi

Pubblicato il 4 agosto 2021 alle 13:19 in America Latina Bolivia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ex presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Áñez, sarà in carcere per almeno un anno, dopo che, questo martedì 3 agosto, un giudice ha esteso la carcerazione preventiva per altri 6 mesi.

Il Governo boliviano sta attualmente indagando sulla ricezione di armi, munizioni di guerra e gas lacrimogeni sotto il suo mandato e se sono stati utilizzati nei conflitti sociali del 2019. In quell’anno è scoppiata una crisi sociale e politica in Bolivia dopo le elezioni generali del 20 ottobre. L’allora presidente del Paese, Evo Morales, è stato accusato di brogli elettorali dall’Organizzazione degli Stati americani (OAS) e dall’opposizione politica boliviana e, poiché ciò ha generato proteste civili fino al 10 novembre, il comandante a capo delle forze armate della Bolivia, Williams Kaliman, ha suggerito a Morales di dimettersi dal suo mandato presidenziale.

Il Governo socialista, che ha preso il potere nell’ottobre 2020, ha incolpato Áñez e vari suoi ex ministri ed ex alti ufficiali delle Forze armate di aver rovesciato l’allora presidente del Paese in un presunto colpo di stato. Questa teoria sarebbe stata successivamente smentita dall’opposizione, dichiarando che la causa della rivolta in Bolivia sarebbe stata generata dallo stesso Morales, che aveva intenzione di rimanere in carica per la quarta volta di seguito, nonostante la Costituzione del Paese permettesse solo due mandati consecutivi.

L’ex presidente ad interim è stata successivamente incarcerata con l’accusa di terrorismo, sedizione e cospirazione. Áñez ha definito il suo arresto un “oltraggio assoluto” e ha riferito che ciò era stato il risultato “dell’intimidazione politica” organizzata dal Movimento al Socialismo (MAS), che è il partito dell’attuale presidente del Paese. Jeanine ha ribadito che “é stata accusata di coinvolgimento in un colpo di stato che in realtà non é mai avvenuto” e ha inviato dunque lettere all’Organizzazione degli Stati americani (OAS) e alla delegazione dell’Unione europea (UE) in Bolivia per chiedere la presenza di una missione di osservazione che potesse valutare oggettivamente il suo arresto e quello dei suoi ministri.

Áñez ha pubblicato una lettera sui suoi social network, il 20 luglio, chiedendo un’udienza con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, la cilena Michelle Bachelet. “Chiedo rispettosamente e sinceramente un’udienza in cui mia figlia, Carolina Ribera Áñez, partecipi a mio nome, poiché ad oggi sono privato della libertà nella città di La Paz, a causa di una decisione politica dell’attuale presidente dello Stato, Luis Arce Catacora”, ha scritto nel documento Áñez. La richiesta dell’ex presidente è stata formulata con l’obiettivo di fornire le ragioni per cui dovrebbe essere rilasciata e poter così affrontare il processo che è in corso contro di lei per accuse di sedizione, terrorismo e associazione a delinquere.

Il segretario di Stato degli Stati Uniti, Anthony Blinken, aveva dichiarato, il 27 marzo, di essere preoccupato per “il crescente comportamento antidemocratico e la politicizzazione del sistema legale” nel Paese e ha aggiunto che ci sono dubbi sulla legalità dei suddetti arresti perché sarebbero basati su “accuse infondate”. Il capo della diplomazia statunitense ha espresso tuttavia la sua volontà di mantenere un rapporto solido e reciprocamente rispettoso con il Governo dell’attuale presidente della Bolivia. Da parte sua, il Ministero degli Esteri boliviano ha annunciato la propria preoccupazione per le dichiarazioni di Blinken, considerandole “un esempio di ingerenza negli affari interni dello Stato latino-americano che non contribuirà certamente a migliorare le relazioni tra i due Paesi”.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Ludovica Tagliaferri

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.