Russia, MAKS-21: svelate le caratteristiche di Checkmate, il nuovo caccia di quinta generazione

Pubblicato il 21 luglio 2021 alle 15:51 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In occasione della 15° edizione dell’importante fiera dell’aviazione russa, la MAKS-2021, il 20 luglio è stato presentato in esclusiva il nuovo caccia leggero monomotore di quinta generazione. Si tratta del Sukhoi Checkmate, dotato di tecnologia stealth. È una delle novità più attese dell’esposizione, organizzata a Zhukovsky, nei pressi di Mosca.

Ad annunciarlo è stata Rostec, società statale russa responsabile dell’esportazione di tecnologia militare. L’amministratore delegato di Rostec, Sergey Chemezov, e il direttore generale della sua affiliata United Aircraft Corporation (UAC), Yury Slyusar, hanno presentato l’aereo da guerra nel padiglione espositivo della compagnia Sukhoi. La produzione in serie sarà lanciata nel 2026 e, in 15 anni, saranno realizzati 300 modelli del caccia. Quest’ultimo è stato valutato positivamente anche dal presidente russo, Vladimir Putin, presente durante la premier.

Checkmate è un caccia unico nel suo genere e, secondo quanto riferito da UAC durante la presentazione, non è stato sviluppato in Russia. In un comunicato stampa, la statale UAC ha affermato che il jet, ideato dalla fusione di “soluzioni e tecnologie innovative”, è caratterizzato da “bassa visibilità e da elevate prestazioni di volo”. Il leader della suddetta società, Slyusar, ha spiegato che l’unicità di Checkmate risiede nel suo raggio di azione di 3.000 km, nonché nell’eccellente rapporto tra peso e velocità di decollo. A rendere il caccia inequiparabile agli altri modelli è la sua capacità di trasportare oltre sette tonnellate di esplosivo. Si tratta di un “record assoluto” per i velivoli di tale classe. Per quanto riguarda le specifiche tecniche, è importante sottolineare che il velivolo è stato progettato da Rostec, ispiratasi al caccia russo Su-57. Checkmate può essere equipaggiato con cinque missili aria-aria, insieme alla vasta gamma di armi aeree di fabbricazione russa. La precisione del velivolo è notevole, considerando che è in grado di colpire, contemporaneamente, un totale di sei obiettivi.

Per il primo volo di Checkmate, tuttavia, sarà necessario attendere fino al 2023. Nel dettaglio, il capo progettista del nuovo modello, Andrey Bulatov, ha chiarito che il primo volo sarà effettuato dal velivolo presente al MAKS-2021. Bulatov ha anche messo confrontato le potenzialità di Checkmate con il caccia statunitense F-35. Rispetto a quest’ultimo, Checkmate ha prestazioni più elevate sotto diversi punti di vista: velocità, portata e qualità innovative. “Ha un design aerodinamico unico”, ha concluso Bulatov. Lo stesso 20 luglio, Putin ha tessuto le lodi dell’industria aeronautica russa. Ciò che vediamo oggi a Zhukovsky, ha affermato il capo del Cremlino, è la prova delle “potenzialità di sviluppo dell’industria aeronautica” della Federazione, in grado di progettare modelli sempre più competitivi.

Nel corso della cerimonia di presentazione, UAC ha rivelato i progetti futuri della società rispetto al modello. Secondo i piani, la statale russa prevede di elaborare una versione senza equipaggio, una biposto e una navale. “L’adattamento per queste versioni avverrà con modifiche minime”, ha affermato Slyusar. Il costo del velivolo sarà di 25-30 milioni di dollari e, secondo quanto rivelato dall’agenzia di stampa russa RIA Novosti, è stato concepito per i mercati esteri. Tuttavia, Slyusar ha affermato di sperare che il nuovo caccia leggero e la sua versione senza equipaggio possano interessare soprattutto le Forze Aerospaziali russe. Slyusar ha poi rivelato che, attualmente, sono in corso trattative con il Dipartimento militare della Federazione.  

Dmitry Stefanovich, ricercatore presso Centro per la Sicurezza Internazionale Primakov Institute of World Economy and International Relations (IMEMO RAS) di Mosca, ha dichiarato alla CNN che l’obiettivo del caccia Sukhoi sarà l’esportazione e la cooperazione tecnico-militare con altri Paesi. Per l’esperto russo, il nuovo modello potrebbe “cambiare le carte in tavola” del mercato militare. “È da anni che la Russia non ha sviluppato un nuovo caccia monomotore”, ha affermato Stefanovich, ricordando che Mosca, da tempo, non immette caccia leggeri sul mercato. Emirati Arabi Uniti, Argentina, Vietnam e India potrebbero essere i principali Paesi interessati a siglare contratti con la Russia per il nuovo jet, secondo Stefanovich.

Il MAKS è un evento in cui sono esposti gli ultimi progetti dell’industria militare e aerospaziale della Federazione Russa. La 15° edizione ha avuto inizio il 20 luglio a Zhukovsky, nei pressi di Mosca, e si concluderà il 25. Tradizionalmente, il salone funge da punto di partenza per molte trattative che portano alla firma di accordi militari internazionali. Questi sono soprattutto incentrati sulla fornitura di aeroplani, elicotteri e sistemi di difesa aerea. Il MAKS offre anche l’opportunità di stilare progetti congiunti nel campo tecnico-bellico.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Anna Peverieri, interprete di russo e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.