MAKS 2021: le novità militari che la Russia presenterà al salone aerospaziale

Pubblicato il 20 luglio 2021 alle 15:19 in Russia Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La 15° edizione dell’importante fiera dell’aviazione russa, MAKS-2021, ha avuto inizio, martedì 20 luglio, a Mosca, dove la Russia presenterà le ultime novità della propria aviazione militare. Mentre la Turchia intende acquistare nuovi lotti del sistema missilistico antiaereo S-400, numerosi Paesi hanno avviato trattative per la fornitura di droni Orion-E e di caccia Su-57.

Secondo quanto reso noto dall’agenzia di stampa russa TASS, l’esposizione sarà aperta al pubblico a partire dal 21 luglio e terminerà il 25. Il focus dell’evento sarà posto sulla presentazione di tre modelli aerei di fabbricazione russa di ultima generazione. Il primo è il nuovo caccia monomotore Sukhoi di quinta generazione, progettato per l’esportazione. Il velivolo sarà svelato alla presenza del capo del Cremlino, Vladimir Putin, il quale prenderà parte all’apertura dell’esposizione il medesimo martedì. Secondo quanto commentato da Reuters, citando l’analista Oleg Panteleyev, Mosca potrebbe presentare il modello come “rivale” dello statunitense F-35. La seconda novità riguarda una nuova versione del caccia Su-57E, progettata per le esportazioni. Infine, per quanto riguarda l’aviazione civile, sarà presentato il nuovo aereo di linea MS-21, dotati di motori avanguardistici PD-14.

Tra le principali società russe che prenderanno parte all’evento, la TASS ha menzionato Rosoboronexport e Roscosmos. La prima è l’Agenzia statale che si occupa di esportazioni del complesso militare-industriale del Paese, mentre la seconda è l’Agenzia spaziale. La prima giornata della fiera ha permesso a Rosoboronexport di siglare già i primi contratti. Nello specifico, l’amministratore delegato della società, Aledander Mikheev, ha spiegato che sono in corso le trattative per concordare la fornitura del drone di attacco russo Orion-E. Non è stata rivelata l’identità della controparte. Mikheev ha poi dichiarato che numerosi acquirenti stranieri hanno altresì dimostrato interesse per i sistemi Repellent e Pantsir, progettati per respingere droni nemici. Anche in questo caso, i negoziati hanno portato alla firma di accordi internazionali, ancora non annunciati precisamente.

Una svolta importante è rappresentata dai nuovi progetti che Russia e Turchia prevedono di avviare, ha sottolineato l’amministratore delegato della società militare russa. Rosoboronexport, nei prossimi mesi, elaborerà un piano per la fornitura di un lotto aggiuntivo di sistemi missilistici antiaerei S-400. Mikheev ha dichiarato che, al momento, Mosca e Ankara sono impegnate nelle consultazioni finali per avviare il nuovo formato di “cooperazione tecnologica” in tale direzione. Infine, Mikheev ha rivelato ai giornalisti di TASS che la società militare russa ha avviato i negoziati con 5 Paesi interessati all’acquisto dei caccia multifunzionali di 5° generazione: i Su-57. Secondo Mikheev, al salone sono venute delegazioni da circa 20 paesi stranieri.

Il MAKS è un evento in cui sono esposti gli ultimi progetti dell’industria militare e aerospaziale della Federazione Russa. Tradizionalmente, il salone funge da punto di partenza per molte trattative che portano alla firma di accordi militari internazionali. Questi sono soprattutto incentrati sulla fornitura di aeroplani, elicotteri, sistemi di difesa aerea. Il MAKS offre anche l’opportunità di stilare progetti congiunti nel campo tecnico-bellico.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Anna Peverieri, interprete di russo e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.