Cina: esercitazioni militari anfibie di fronte a Taiwan

Pubblicato il 10 giugno 2021 alle 7:18 in Cina Taiwan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il comando orientale dell’Esercito Popolare di Liberazione (EPL) della Cina ha condotto esercitazioni navali di tipo anfibio nelle acque lungo la costa Sud-orientale del Paese nella provincia di Fujian, di fronte a Taiwan, secondo quanto riferito l’8 giugno.

In particolare ila 72esima armata del comando orientale dell’EPL, con sede nella provincia di Zhejiang, ha condotto le esercitazioni impiegando imbarcazioni da trasporto anfibio, veicoli corazzati, mezzi a cingoli e conducendo esercizi di carico e scarico di attrezzature e materiale militari e di navigazione. Le operazioni sono servite a rafforzare le capacità di combattimento anfibio dei soldati, a testare le attrezzature dell’EPL e la capacità di risposta alle emergenze. Durante l’esercitazione le truppe cinesi hanno eseguito operazioni di carico di emergenza, di trasporto su lunga distanza e di assalto sulle spiagge in condizioni marittime complesse.

Un esperto in ambito militare citato da Xinhua, Song Zhongping, ha dichiarato che le capacità anfibie dell’EPL sono migliorate dopo che la Cina ha commissionato nuove navi da guerra anfibie. Allo stesso modo, anche le esercitazioni hanno contribuito a migliorare le abilità del personale militare di utilizzare tale tipo di attrezzatura. Song ha anche affermato che l’esercitazione annunciata l’8 maggio non dovrebbe essere associata alla situazione regionale e che le varie operazioni dell’EPL sono forme di preparazione a possibili conflitti futuri e non servono solamente come forma di deterrenza.

Come specificato da South China Morning Post, gli sbarchi anfibi sono un passaggio militare fondamentale per catturare un’isola come Taiwan. La Cina considera l’isola una sua provincia e quindi parte integrante del territorio nazionale, in base al principio “una sola Cina”. A Taipei, però, è presente un esecutivo autonomo e l’isola si auto-definisce la Repubblica di Cina (ROC), sostenendo di essere un’entità statale separata dalla Repubblica Popolare Cinese. Dal 2016, tale esecutivo è guidato dalla presidente Tsai Ing-wen, a capo del Partito progressista democratico (PPD), la quale ha sempre rifiutato di riconoscere il principio “una sola Cina” ed è stata rieletta con un’ampia maggioranza alle ultime elezioni sull’isola dell’11 gennaio 2020. 

Tsai si è altresì impegnata ad intensificare i rapporti dell’isola con Washington, suo maggior fornitore di armi da difesa. Il governo di Pechino, da parte sua, ha più volte affermato di voler risolvere la questione di Taiwan, che rappresenta la sua maggiore problematica dal punto di vista territoriale e diplomatico, e non ha escluso la possibilità di farlo utilizzando la forza.

Alla luce di tale contesto, l’annuncio dell’ultima esercitazione anfibia cinese si colloca a due giorni di distanza dalla visita a Taiwan di tre senatori statunitensi che sono arrivati sull’isola a bordo di un aereo da trasporto militare, lo US Air Force C-17. I tre hanno incontrato Tsai e hanno promesso di fornire 750.000 dosi di vaccino contro il coronavirus. Oltre a questo, il 7 giugno scorso, il segretario di Stato degli USA, Anthony Blinken, ha dichiarato che Washington e Taipei potrebbero rilanciare i dialoghi per un accordo in materia di commercio e investimenti che erano stati bloccati durante la presidenza di Barack Obama.

Lo stesso 7 giugno, il portavoce del Ministero Affari Esteri della Cina, Wang Wenbin, aveva affermato che la visita dei tre senatori sull’isola e i loro incontri con i leader locali hanno violato gravemente il principio “una sola Cina” e i tre comunicati congiunti sino-statunitensi. Pechino ha quindi chiesto agli USA di non apportare ulteriori danni alle relazioni sino-statunitensi e di non minacciare la stabilità dello Stretto di Taiwan.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.