Tensioni Italia-Emirati Arabi Uniti: convocato l’ambasciatore

Pubblicato il 9 giugno 2021 alle 10:23 in Emirati Arabi Uniti Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti in Italia è stato convocato alla Farnesina, l’8 giugno, dopo che Abu Dhabi ha negato ad un aereo militare italiano, diretto in Afghanistan, di transitare nello spazio aereo emiratino. 

Secondo quanto riferisce il Ministero degli Esteri italiano, su istruzione del Ministro Luigi Di Maio, il segretario generale della Farnesina, l’ambasciatore Ettore Sequi, ha convocato l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti, Omar Al Shamsi. Durante il colloquio, il rappresentante italiano ha manifestato “sorpresa e forte disappunto” per un “gesto inatteso che si fatica a comprendere”. Tali parole fanno riferimento ad un episodio che si è verificato lo stesso 8 giugno e che ha interessato un aereo militare che trasportava giornalisti e ufficiali militari, diretti alla cerimonia per il ritiro delle truppe italiane dall’Afghanistan. Quando il mezzo ha chiesto l’autorizzazione a transitare nello spazio aereo emiratino, Abu Dhabi glielo ha negato, costringendo uno scalo non pianificato a Dammam, in Arabia Saudita. Successivamente, l’aereo ha continuato il suo viaggio su una rotta più lunga. Anche alcuni quotidiani esteri hanno dato spazio a queste tensioni. 

L’agenzia di stampa ANSAmed ha sottolineato che i rapporti diplomatici tra Roma ed Abu Dhabi sono sempre più tesi a seguito della decisione del Governo italiano di bloccare la vendita di armi agli Emirati Arabi Uniti, a causa della sua partecipazione alla guerra civile in Yemen. La cerimonia per il ritiro dei militari italiani dalla città occidentale afghana di Herat si è svolta comunque, ma è stata ritardata per consentire l’arrivo in ritardo dell’aereo da Roma. All’evento erano presenti il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, ed alti comandanti militari italiani, che viaggiavano su un altro aereo, che ha effettuato una rotta diversa.

Il 29 gennaio, il governo italiano ha annunciato la revoca delle autorizzazioni all’esportazione di missili e bombe verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti (EAU). Lo stesso ministro degli Esteri italiano ha sottolineato tale decisione in un post su Facebook. “La nostra azione di governo è ispirata da valori e principi imprescindibili. Lo stiamo facendo anche in queste ore, lavorando con serietà e impegno”, ha scritto il rappresentante del governo. Di Maio ha poi aggiunto che la revoca vuole essere “un chiaro messaggio di pace che arriva dal nostro Paese”, sottolineando l’importanza del rispetto dei diritti umani per l’attuale esecutivo. 

Si tratta della prima misura di questo genere in 30 anni, dall’entrata in vigore della legge 185 del 1990 sull’esportazione degli armamenti. Inoltre, l’intervento governativo prevede che rimanga in vigore la sospensione della concessione di nuove licenze per gli stessi materiali e verso gli Stessi Paesi. La decisione è stata accolta con favore dall’associazione nota come Rete Italiana per la Pace e il Disarmo, che aveva definito “storica” la revoca imposta dal governo italiano. La fonte ha aggiunto che il provvedimento riguardava almeno 6 diverse autorizzazioni già sospese il 12 luglio 2019, tra cui la licenza MAE 45560 verso l’Arabia Saudita approvata nel 2016, durante il governo dell’ex premier Matteo Renzi, che prevedeva la vendita di quasi 20.000 bombe aeree della serie MK, per un valore di oltre 411 milioni di euro. 

L’Arabia Saudita guida una coalizione composta da Emirati Arabi Uniti, Sudan, Bahrain, Kuwait, Qatar, Egitto, Marocco, Giordania e Senegal, intervenuta nel conflitto in Yemen il 26 marzo 2015, per sostenere le forze governative del presidente yemenita, Rabbo Mansour Hadi, contro gli Houthi, i ribelli sciiti sostenuti dall’Iran e da Hezbollah. La guerra civile in Yemen è stata descritta dalle Nazioni Unite come la peggiore crisi umanitaria del mondo. È iniziata il 21 settembre 2014, quando gli Houthi hanno acquisito il controllo della capitale del Paese, Sana’a.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.