Cina-Russia: iniziano le consultazioni strategiche di sicurezza

Pubblicato il 25 maggio 2021 alle 11:01 in Cina Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il direttore dell’Ufficio Affari Esteri della Commissione Centrale del Partito Comunista Cinese (PCC) e membro dell’Ufficio politico del PCC, Yang Jiechi, si è recato in Russia il 24 maggio per partecipare al 16esimo round di consultazioni strategiche di sicurezza Cina-Russia. Yang andrà poi in Slovenia e in Croazia su invito dei rispettivi governi e concluderà il suo viaggio il 27 maggio.

La visita di Yang in Russia è stata annunciata il 23 maggio dal portavoce del Ministero Affari Esteri della Cina, Zhao Lijian. Quest’ultimo ha specificato che il diplomatico cinese è stato invitato dal segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, Nikolai Patrushev.

Come sottolineato dal Financial Times, la visita di Yang, una tra le più importanti figure per la politica estera di Pechino, è arrivata mentre le relazioni della Cina e della Russia con gli USA stanno assistendo a momenti di tensioni su più fronti. Oltre a questo, il viaggio di Yang si colloca a pochi giorni di distanza dall’incontro virtuale tra il presidente cinese, Xi Jinping, e il suo omologo russo, Vladimir Putin, del 19 maggio, in occasione dell’inaugurazione di un progetto nucleare sviluppato congiuntamente dalle parti. In tale occasione, Xi aveva elogiato la cooperazione sino-russa durante la pandemia e di fronte a cambiamenti senza precedenti nell’ultimo secolo e aveva posto l’accento sulla collaborazione in materia energetica, definendo l’energia nucleare una “priorità strategica”.

Lo scorso 22 marzo, durante un incontro in Cina tra i ministri degli Esteri cinese e russo, Wang Yi e Sergei Lavrov, parlando della questione iraniana, le parti hanno proposto di istituire la cosiddetta “Piattaforma di dialogo per la sicurezza regionale”. In tale occasione, Wang e Lavrov avevano parlato dello stato attuale delle rispettive relazioni con gli USA, sottolineando che Washington dovrebbe riflettere sui danni arrecati alla pace e allo sviluppo mondiali, interrompere le azioni unilaterali di “bullismo”, fermare le interferenze negli affari interni di altri stati, così come, di creare scontri di gruppo. Oltre a questo, Wang e Lavrov avevano discusso di temi internazionali  quali la questione iraniana, l’Afghanistan, il Myanmar, la Siria, il Sudan, la regione Asia-Pacifico, il cambiamento climatico e la riforma delle Nazioni Unite.

Secondo esperti citati da South China Morning Post, tra i temi che Yang e Patrushev potrebbero affrontare durante il 16esimo round di consultazioni di sicurezza strategiche Cina-Russia, vi sarebbero la cooperazione nell’Artico e nello spazio. Per più esperti, le parti potrebbero annunciare una nuova cooperazione strategica e di sicurezza, a testimonianza di un progressivo avvicinamento tra le rispettive élite politiche, senza però portare le relazioni tra i due Paesi al livello di un’alleanza. Secondo un esperto in relazioni sino-russe del Russian International Affairs Council, Danil Bochkov, i due Paesi non vorrebbero dare l’impressione ai Paesi occidentali di essere intenti a formare un fronte unito. Russia e Cina hanno ampliato la cooperazione bilaterale pressoché a tutti i campi strategici e politici senza, però, un quadro che definisca un’alleanza militare.

Come decritto nel sito del Ministero Affari Esteri della Cina, al momento, le relazioni di Pechino con Mosca si trovano nel miglior periodo della loro storia. Nel 2019, le parti hanno innalzato il livello dei rapporti bilaterali istituendo “relazioni di partenariato di cooperazione strategica complessiva per la nuova era”.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.