Al-Shabaab colpisce la Somalia e il Kenya: soldati uccisi

Pubblicato il 19 maggio 2021 alle 20:26 in Kenya Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 4 soldati sono stati uccisi e altri sono rimasti feriti nell’esplosione di una bomba contro un veicolo militare nel Sud della Somalia. Abdi Mohamed Hassan, un ufficiale di polizia che opera nella regione di Middle Shabelle, ha riferito all’agenzia di stampa turca Anadolu che il veicolo preso di mira faceva parte di un convoglio militare in viaggio verso Jowhar. Nella località sarebbero di recente esplosi scontri tra forze di sicurezza regionali e milizie armate, nei quali almeno 10 persone sarebbero rimaste uccise.

“L’esplosione è stata provocata da una mina e, come risultato dello scoppio, almeno quattro soldati, compreso un comandante anziano, sono stati uccisi e molti altri sono rimasti feriti”, ha dichiarato Hassan. Mohamed Abdi Ware, ex presidente dello stato di Hirshabelle, ha affermato dal canto suo: “Gli eventi di oggi a Jowhar mi hanno scioccato. Che Allah abbia pietà di coloro che sono rimasti uccisi”. Tra questi, Ali Madobe, funzionario presidenziale di Hirshabelle, e il comandante Dhisow Mohamed Qeelshe, alto ufficiale di sicurezza.

L’organizzazione somala di al-Shabaab, affiliata ad al-Qaeda, ha rivendicato l’attacco.

Contemporaneamente, nel vicino Kenya, un funzionario di polizia ha rivelato che 7 soldati sono stati uccisi, mentre uno risulta attualmente disperso, nella contea di Lamu, dopo l’esplosione di una bomba e un’imboscata di ribelli estremisti islamici appartenenti ad al-Shabaab. I militari erano in servizio di routine nella zona di Baure e sono stati attaccati, nella mattinata di martedì 18 maggio, dopo che il loro veicolo ha colpito un ordigno esplosivo collocato lungo la strada Bodhei-Kiunga. Non sono stati riportati altri dettagli sull’attacco.

L’organizzazione terroristica di al-Shabaab ha giurato vendetta contro il Kenya dopo che quest’ultimo ha fornito sostegno militare al governo somalo nel contrastare la ribellione jihadista. Il Kenya possiede soldati in Somalia dal 2011, dopo che alcuni visitatori occidentali erano stati rapiti sul suolo keniota minacciando il turismo del Paese, un pilastro chiave della sua economia.

Al-Shabaab, in arabo “la gioventù”, è un’organizzazione politico-militare affiliata ad al-Qaeda, il cui obiettivo è quello di ribaltare il governo di Mogadiscio, appoggiato da vari Paesi stranieri, per imporre la propria interpretazione della legge islamica. Per tale ragione, i suoi militanti conducono regolarmente attentati contro lo Stato, colpendo spesso la capitale somala. 

L’organizzazione terroristica ha controllato ampie zone del Paese fino al 2011, anno in cui i suoi militanti furono cacciati dai principali centri abitati, tra cui anche Mogadiscio, grazie all’offensiva dell’esercito somalo e delle truppe dell’Unione Africana. In Somalia, per combattere il miliziani di al-Shabaab, sono presenti 20.000 uomini dell’operazione di peacekeeping dell’Unione Africana, la African Union Mission to Somalia (AMISOM). Anche gli Stati Uniti sono tra i Paesi che hanno combattuto più duramente il gruppo islamico nel Paese del Corno d’Africa, conducendo ripetuti attacchi aerei contro i jihadisti.

In base al Country Report on Terrorism del 2019, rilasciato dal governo statunitense, l’Africa orientale è definita “un porto sicuro per al-Shabaab”, che ha il controllo de facto su ampie porzioni del territorio della Somalia centro-meridionale, dove riscuote anche “tasse” e assoggetta i governanti locali. Stando al report, da queste postazioni i terroristi organizzano, pianificano e conducono attentati, agendo indisturbati, anche contro il confinante Kenya. Nel 2019, secondo i dati pubblicati dal rapporto, gli attacchi di al-Shabaab sarebbero aumentati e si sarebbero focalizzati su obiettivi governativi, cercando di uccidere membri e leader delle istituzioni, per minarne la credibilità e l’efficacia. Nel febbraio del 2017, il presidente somalo, Mohamed Abdullahi Mohamed, ha dichiarato lo Stato di guerra contro il gruppo terroristico.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.