Il Venezuela inizia le sperimentazioni del vaccino cubano

Pubblicato il 4 maggio 2021 alle 15:53 in America Latina Cuba Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro della Sanità, Carlos Alvarado, ha riferito, lunedì 3 maggio, che questo mese il Venezuela inizierà le sperimentazioni cliniche del vaccino cubano contro il coronavirus Abdala, poiché lo Stato latino-americano prevede di produrre dosi sufficienti a livello locale per vaccinare 4 milioni di persone. Alvarado ha annunciato, all’aeroporto principale del Venezuela che si trova nella capitale Caracas, che il Paese ha ricevuto altri 50.000 vaccini Sputnik V russi e ha aggiunto che il Governo del presidente, Nicolás Maduro, prevede di ricevere i vaccini dal programma globale COVAX entro luglio.

Il ministro ha sottolineato che in Venezuela è già arrivato un totale di 1.480.000 dosi che sono sufficienti per vaccinare poco più di 800.000 persone, specificando che i vaccini russi saranno destinati al personale sanitario, che corrisponde a circa 360.000 persone. Il presidente latino-americano ha avvertito che non avrebbe permesso l’uso del vaccino AstraZeneca a causa delle correlazioni con la formazione di coaguli del sangue.

La vicepresidente del Venezuela, Delcy Eloína Rodríguez Gómez, aveva affermato, il 10 aprile, che il Paese era finalmente riuscito a ottenere fondi per acquisire 11,3 milioni di dosi mediante il meccanismo COVAX, che è una piattaforma di condivisione globale supportata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il Governo del Venezuela aveva riferito che le sanzioni imposte dagli Stati Uniti avevano impedito al Paese di pagare i 120 milioni di dollari necessari per ottenere i vaccini contro il Covid-19. L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva attuato una politica di ostilità nei confronti dei Governi di Caracas e dell’Avana e aveva applicato misure drastiche in entrambi gli Stati, dalla persecuzione del petrolio ai blocchi finanziari. “Finalmente siamo riusciti ad accedere ai fondi che ci erano stati rapiti dagli Stati Uniti”, aveva annunciato Maduro, in un discorso televisivo. COVAX ha evidenziato di aver messo da parte fino a 2,4 milioni di dosi di AstraZeneca per il Venezuela.

Il presidente del Venezuela aveva annunciato, l’11 aprile, che il suo Paese ha intenzione di produrre 2 milioni di dosi del vaccino cubano Abdala al mese contro il Covid-19, in seguito a un accordo firmato con l’isola caraibica. Secondo Maduro, gli studi clinici “stanno andando molto bene”. Cuba e Venezuela avevano firmato una serie di accordi per rafforzare la loro alleanza strategica in occasione della prima visita ufficiale dell’ex presidente cubano Raúl Castro a Caracas, avvenuta il 13 dicembre 2008, avviando 173 progetti comuni nei settori dell’energia, delle comunicazioni, dell’edilizia e della salute per un valore complessivo di 2 miliardi di dollari. Il Venezuela è il principale alleato commerciale di Cuba e, l’anno scorso, si è impegnato ad inviare all’isola caraibica 13 milioni di barili di petrolio in cambio di assistenza medica.

I dati ufficiali mostrano che il Paese latino-americano sta subendo una seconda ondata di infezioni da COVID-19, con una media giornaliera settimanale di oltre 1.200 nuovi casi. Attualmente, gli operatori sanitari sono preoccupati che gli ospedali possano crollare per la mancanza di medicine e la carenza di personale. Ad oggi, in Venezuela sono stati segnalati più di 200.000 casi di coronavirus e almeno 2.170 decessi, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Ludovica Tagliaferri

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.