Russia schiera carri armati a 20 km dall’Ucraina

Pubblicato il 21 aprile 2021 alle 11:22 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia ha schierato decine di carri armati a 20 km dal confine con l’Ucraina. L’arsenale fino a poco tempo fa si trovava a 100 km dalla linea di contatto. Gli esperti internazionali hanno affermato che questo potrebbe preannunciare l’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina.

Secondo quanto riferito da fonti autorevoli, mercoledì 21 aprile, lo schieramento militare non sarebbe casuale e non rientrerebbe all’interno di nessuna esercitazione. Analogamente, sono state viste lunghe fila di mezzi corrazzati dirigersi verso la regione di Krasnoperekopsk, situata nella penisola crimeana. Un filmato, registrato la mattina preso e diffuso da Aviapro, ha confermato il dispiegamento. Grazie alla geolocalizzazione, è stato possibile stabilire che i carri armati si stessero dirigendo a Krasnoperekopsk. Al momento, il Ministero della Difesa della Federazione Russa non ha rilasciato alcuna dischiarazione a riguardo.

In Crimea, sono stati collocati solo carri armati e truppe di terra, ma anche missili balistici Iskander-M, come ha rivelato l’esperto di intelligence Janes Thomas Bullock. Il complesso militare, avvistato nelle aree di confine con l’Ucraina dell’Est, sarebbe stato armato con due tipologie di missili: il 9M728 (SSC-X-7) e il 9M729 (SSC-X-8). Il 9M728, anche noto come R-500, vola ad un’altitudine di 6 km e può arrivare fino a 500 km d’altezza. Quanto alle sue caratteristiche tecniche, il missile è stato sviluppato per poter trasportare sia una testata convenzionale da 500 kg, sia una nucleare con una resa che va dai 10 ai 50 kt. Il 9M729 è un missile Cruise ed è caratterizzato da una gittata di 2.500 km. Nonostante alcune differenze, la sua struttura e capacità è molto simile all’Iskander-M.

È importante ricordare che, l’8 aprile, la Russia ha annunciato che la flotta del Mar Caspio sarebbe stata trasferita dalla base navale di Machačkala a quella del Mar Nero. Si prevede che saranno dispiegate imbarcazioni Landing Craft e cannoniere anche se non è stato specificato quale modello. Considerando che, per giungere al Mar Nero la flotta dovrà passare attraverso il canale Volga-Don, le loro dimensioni dovranno essere ridotte. Il suddetto Canale collega i bassi corsi dei fiumi Volga e Don e rappresenta la rotta marittima navigabile più diretta che connette il Mar d’Azov, quindi il Mar Nero, al Mar Caspio.

La Flotta del Caspio è composta da 7 mezzi Landing Craft, di cui 6 Serna e uno Shark. A completare l’armata marittima russa si aggiungono 5 cannoniere, di cui 4 Schmel, con una cilindrata di 70 tonnellate ed equipaggiate di un cannone da 76 mm, 3 mitragliatrici e un lanciarazzi BM-14. Tra le imbarcazioni di artiglieria si attesta la motovedetta Zhuk, armata con due mitragliatrici da 12,7 mm.

A partire dall’ultima settimana di marzo, la Russia ha iniziato a trasferire il proprio arsenale militare e le proprie truppe lungo il confine dell’Ucraina dell’Est. In risposta, Kiev ha denunciato una potenziale provocazione russa nella regione di conflitto. Per il Cremlino, tale gesto è legittimo perché finalizzato a proteggere le linee di frontiera russe. Dall’altra parte, l’intelligence ucraina, l’SBU, sostiene che le truppe moscovite avrebbero l’obiettivo prendere il controllo sulle autoproclamate Repubbliche Lugansk e Donetsk, servendosi del pretesto di proteggere i residenti russi nella zona.

In precedenza, il primo aprile, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, aveva chiarito che l’incremento di truppe russe sulla linea di contatto era stata una mossa di difesa, per garantire la “sicurezza del Paese”, affermando che la Russia non intendeva prendere parte al conflitto armato in Ucraina. Questo perché Mosca non ha intenzione di “infiammare la guerra civile” e portare a un’escalation della crisi, aveva aggiunto Peskov.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Anna Peverieri, interprete di russo e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.