Bolsonaro-Biden: dubbi sull’accordo per tutelare l’Amazzonia

Pubblicato il 19 aprile 2021 alle 20:15 in Brasile USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, e il suo omologo statunitense, Joe Biden, sperano di firmare un accordo per tutelare l’Amazzonia in occasione del Vertice dei leader sul clima che si terrà alla Casa Bianca, il 22 e 23 aprile. “Non vediamo l’ora di continuare il nostro dialogo e vedere i passi concreti che il Governo brasiliano intraprenderà per ridurre la deforestazione. Il Brasile sarà un partner chiave nella ricerca e nell’attuazione delle soluzioni a questa crisi “, aveva detto un alto funzionario statunitense, venerdì 16 aprile, prendendo atto dell’importanza della partecipazione di Bolsonaro. Tuttavia, il ministro dell’Ambiente del Brasile, Ricardo de Aquino Salles, ha dichiarato di avere dubbi sulla conclusione di tale accordo per la prossima settimana, ma che i colloqui tra entrambi i Paesi continueranno.

In una lettera inviata il 14 aprile al presidente americano, Bolsonaro aveva annunciato di essersi impegnato ad eliminare la deforestazione illegale in Amazzonia entro il 2030, ma aveva anche affermato che sarebbero state necessarie “enormi risorse” e il sostegno economico del Governo degli Stati Uniti, del settore privato e della società civile statunitense. Dal canto suo, Salles ha riferito che se il Brasile ricevesse un contributo di circa un miliardo di dollari, potrebbe ridurre la deforestazione dell’Amazzonia del 40%.

Diversi leader indigeni, attivisti per il clima e un gruppo di senatori democratici statunitensi, tra cui Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, avevano tuttavia esortato il presidente degli Stati Uniti ad affrontare la questione con la società civile locale e a non offrire somme di denaro al leader brasiliano, sottolineando che, da quando è entrato in carica il primo gennaio 2019, la deforestazione è aumentata vertiginosamente nella regione. “Biden non deve lasciare che Bolsonaro negozi il futuro dell’Amazzonia”, aveva detto il leader indigeno Raoni Metuktire, in un video pubblicato venerdì 16 aprile, ritenendo che il capo di Stato brasiliano avesse dichiarato guerra contro i popoli indigeni e non avesse contribuito a limitare la diffusione del Covid-19. Metuktire aveva aggiunto che Bolsonaro aveva supportato la legislazione che legalizzerebbe le industrie minerarie nelle terre indigene e per questo ha invitato Biden ad ignorare la sua promessa di ridurre a zero la deforestazione illegale entro il 2030 se il suo Governo avesse ricevuto finanziamenti dagli Stati Uniti.

Nel 2019, anno in cui Bolsonaro aveva preso il potere, l’Istituto nazionale di ricerche spaziali del Brasile (INPE) aveva riferito che l’Amazzonia aveva perso 10.129 chilometri quadrati a causa della deforestazione, con un aumento del 34% rispetto all’anno precedente. Questo marzo invece, l’INPE ha registrato altri 367 chilometri quadrati di deforestazione. Sebbene Bolsonaro abbia approvato diversi ordini esecutivi e leggi per proteggere l’Amazzonia, allo stesso tempo ha ridotto i finanziamenti destinati ai programmi di monitoraggio ambientale e ha incoraggiato lo sviluppo industriale nella regione. “L’attuale Governo brasiliano non è semplicemente degno di fiducia“, aveva detto ad Al Jazeera Sonia Guajajara, coordinatrice dell’Articolazione dei popoli indigeni del Brasile (APIB), venerdì 16 aprile.

Il Ministero degli Esteri brasiliano aveva dichiarato alla CNN in un comunicato, l’8 aprile, che Stati Uniti e Brasile stanno attualmente “studiando la possibilità di approfondire la cooperazione bilaterale” su questioni ambientali e di deforestazione e aveva spiegato che le discussioni sono “strettamente intergovernative”. Il portavoce americano del dipartimento di Stato ha detto che gli USA vedono il Paese latino-americano come un partner vitale per mitigare i cambiamenti climatici e ridurre le emissioni globali e ha spiegato che sostenere e incoraggiare le azioni del Brasile per ridurre la deforestazione è un “obiettivo chiave” per l’amministrazione Biden.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Ludovica Tagliaferri

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.