Perché l’Indonesia acquista aerei da caccia Sud-coreani

Pubblicato il 18 aprile 2021 alle 6:01 in Corea del Sud Indonesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro della Difesa dell’Indonesia, Prabowo Subianto, il 9 aprile scorso, aveva partecipato alla cerimonia di presentazione dei prototipi degli aerei da caccia KF-X e IF-X, in Corea del Sud. Secondo un’analisi proposta da The Diplomat il 16 aprile, la visita di Subianto sarebbe stata una dimostrazione dell’intenzione di acquistare tali mezzi, in totale 50, e diversificare la propria flotta aerea e limitare la dipendenza di Jakarta da singoli fornitori. Al momento, gran parte degli aerei da guerra a disposizione dell’Indonesia proverrebbero da Russia e Stati Uniti.

Secondo i dati disponibili, i KF-X, che una volta in funzione nell’Aeronautica Sud-coreana si chiameranno KF-21 Boramae, sarebbero superiori rispetto ad altri aerei da caccia avanzati non dotati di tecnologie stealth, quali gli statunitensi F-16 o i francesi Rafale. I mezzi avrebbero maggior raggio operativo, così come capacità avioniche e di guerra elettronica più avanzate. Oltre a questo, sarebbero equipaggiati di tecnologie coreane radar active electronically scanned array (AESA) che garantirebbero maggiore efficienza. La possibilità di combinare tali capacità con armi avanzate potrebbe avere un impatto sulla potenza militare aerea nel Sud-Est Asia, secondo The Diplomat. In particolare, tali mezzi potrebbero trasportare sia missili statunitensi, sia europei.

L’acquisto dei velivoli Sud-coreani da parte indonesiana sarebbe motivato alla luce di due considerazioni, ovvero l’ampiezza del territorio da difendere e il fatto che la flotta aerea dell’Indonesia sia datata. Nel primo caso, le forze aeree indonesiane devono coprire un territorio di 1,904,569 km2 con uno spazio aereo più ampio, che include anche la sovranità marittima indonesiana e la zona economica esclusiva del Paese. Nel secondo caso, al momento, la flotta aerea indonesiana comprende 101 aerei armati e sei aerei da pattuglia marittima e non tutti potrebbero essere disponibili allo stesso tempo. Tra questi vi sarebbero poi mezzi ormai datati quali i cinque aerei da caccia russi Su-27 acquistati nel 2002 e nel 2006, dieci statunitensi F-16A e F-16B del 1989 e trenta inglesi BAE Hawk Mk 109 e Mk 209 del 1997.

Secondo The Diplomat, l’acquisto dei caccia Sud-coreani da parte indonesiana sarebbe indirizzata alla modernizzazione dell’Aviazione militare del Paese mentre cerca di mantenere lo status quo dei propri interessi nazionali.

L’Indonesia ha partecipato alla realizzazione dei jet in quanto aveva concluso un’intesa con la Corea del Sud per la realizzazione dei jet di tipo KF-X nell’ambito di un progetto dal valore di 6,3 miliardi di dollari, dei quali Jakarta avrebbe fornito il 20%. Nel 2018, però, l’Indonesia aveva cercato di rinegoziare l’intesa per alleggerire la pressione sulle proprie riserve di valuta estera.

La collaborazione tra Jakarta e Seoul nell’industria della difesa è attiva attraverso varie iniziative. Lo scorso 17 marzo, ad esempio, la Marina indonesiana ha ricevuto il sottomarino Alugoro-405 realizzato in collaborazione tra l’azienda locale PT PAL Indonesia e la Sud-coreana, Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering (DSME), secondo un piano di trasferimento di tecnologie.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.