Malesia: annunciato un nuovo pacchetto di stimoli per l’economia

Pubblicato il 18 marzo 2021 alle 7:00 in Asia Malesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro della Malesia, Muhyiddin Yassin, il 17 marzo, ha annunciato un nuovo “Pacchetto di rinforzo per la popolazione e l’economia”, detto PEMERKASA, dal valore di 20 miliardi di ringgit, equivalenti a circa 4,86 miliardi di dollari, per promuovere la ripresa economica malese.

Secondo quanto annunciato dal premier della Malesia, per fornire al Paese più fonti di ricchezza, il nuovo pacchetto di incentivi prevede la destinazione di 50 milioni di ringgit allo sviluppo dei settori aerospaziale e delle attrezzature mediche. Oltre a questo, il governo malese continuerà a promuovere gli investimenti e il mercato delle esportazioni, in quanto gli investimenti esteri e il commercio internazionale sono ritenuti importanti forze per il piano di ripresa economica nazionale. In tale quadro, il Ministero del Commercio e dell’Industria continuerà a esplorare nuove opportunità per il potenziale delle esportazioni e incoraggerà gli attori industriali ad utilizzare l’automazione e la meccanizzazione.

Muhyiddin ha poi sottolineato che le misure adottate dal governo comprendono le iniziative eBizLink e Globepreneur. La prima è una piattaforma di marketing digitale virtuale e ibrida, la seconda è invece indirizzata ad aumentare il potenziale delle piccole e medie imprese malesi nel mercato internazionale. Il governo alzerà poi il tetto del fondo di sviluppo del mercato da 300.000 a 500.000 ringgit per le aziende che parteciperanno a piattaforme per fiere internazionali.

Oltre a questo, il governo di Kuala Lumpur ha poi aumentato di 5 miliardi di ringgit i fondi destinati al piano di immunizzazione nazionale. Nel bilancio da record per il 2021, dal valore totale 322,5 miliardi di dollari, approvato il 15 dicembre scorso, erano stati previsti 3 miliardi di ringgit per il piano vaccini. Con i nuovi fondi, la Malesia spera di raggiungere il proprio obiettivo di vaccinare l’80% della popolazione, che in totale conta 32 milioni di persone, entro il mese di dicembre 2021.

Le misure annunciate il 17 marzo rappresentano la sesta azione di stimolo all’economia dall’inizio del mandato di Muhyiddin, il primo marzo 2020, per un valore totale di 340 miliardi di ringgit. Nel 2020, l’economia malese ha assistito alla peggior contrazione dalla crisi finanziaria asiatica del 1997, registrando un declino del 5,6%. Tale dato è stato il peggiore dal 1998, quando la contrazione economica si era attestata al 7,4%. Secondo alcune stime proposte dal ministro dell’economia malese, Mustapa Mohamed, il 16 marzo, nel 2021, è prevista una crescita economica del 6,8% che scenderà al 4,8% nel 2022.

Al momento, la Malesia si trova in uno stato d’emergenza dichiarato da Muhyiddin lo scorso 12 gennaio e che è previsto resterà in vigore fino il prossimo primo agosto, a causa della diffusione del coronavirus. In molti hanno criticato tale decisione sostenendo si sia trattato di un tentativo del premier di rinsaldare il suo potere. Tuttavia, Muhyiddin ha promesso di indire elezioni una volta finito lo stato d’emergenza.

L’attuale governo di Muhyiddin ha assunto la leadership della Malesia dopo che, il 24 febbraio 2020, era caduto l’esecutivo guidato dall’alleanza Pakatan Harapan, con a capo l’ex-premier, Mahathir Mohamad, quando molti dei suoi membri si erano uniti ad altri partiti dell’opposizione portando l’ex-primo ministro alle dimissioni. Quest’ultimo, a sua volta, era al potere dalle elezioni dell’8 maggio 2018, che aveva vinto contro la coalizione del Barisan Nasional, dominata da UMNO, che aveva governato la Malesia per 6 decenni. Secondo gli avversari di Muhyiddin, il suo governo sarebbe il frutto di un “furto di potere”, in quanto sarebbe stato istituito grazie ad uno spostamento di alleanze avvenuto a seguito delle dimissioni del suo predecessore e non attraverso il processo elettorale. Al contempo, i suoi sostenitori hanno chiesto ripetutamente al premier malese di indire una votazione nazionale che gli consenta di assicurarsi una maggioranza e un mandato solidi.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.