Italia-Qatar: collaborazione tra le forze di polizia

Pubblicato il 15 marzo 2021 alle 18:53 in Italia Qatar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministero dell’Interno italiano ha riferito la notizia di un protocollo di collaborazione tra le forze di polizia, firmato da Italia e Qatar il 15 marzo, in vista del campionato mondiale di calcio del 2022. 

Il vice direttore generale della Pubblica Sicurezza, Vittorio Rizzi e il generale Abdul Aziz Abdalla Al Ansari, capo della FIFA World Cup 2022 of Safety and Security Operation Committee (SSOC) hanno firmato in Qatar il protocollo di collaborazione bilaterale di polizia, alla presenza del primo ministro e ministro dell’Interno, Khalid bin Khalifa bin Abdulaziz Al Thani, e dell’ambasciatore d’Italia a Doha, Alessandro Prunas.

Il fine dell’intesa, secondo il Ministero italiano, è quello di mettere a disposizione del Paese arabo “l’esperienza maturata dalle Forze di polizia italiane nella gestione delle grandi manifestazioni di rilievo internazionale, come l’Expo Milano del 2015, il Giubileo Straordinario della Misericordia del 2015/2016, il G7 di Taormina del 2017 e i recenti campionati mondiali di sci alpino di Cortina”. La firma del protocollo ha avuto luogo durante la cerimonia d’apertura della 13° Fiera internazionale MILIPOL, dedicata alle tecnologie e alle attrezzature utilizzate nell’ambito della sicurezza interna e della protezione civile. In tale contesto, si trova anche un stand italiano per illustrare l’uso da parte delle Forze di polizia delle tecnologie d’avanguardia per la gestione della sicurezza e dell’ordine pubblico. La delegazione italiana, guidata dal vice direttore della Pubblica Sicurezza, il prefetto Vittorio Rizzi, includeva anche il direttore del servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia Generale dei Carabinieri, Giuseppe Spina, e per il comparto del Ministero della Difesa, il comandante delle Unità mobili dell’Arma dei Carabinieri, il Generale Giovanni Truglio e il colonello Giovanni Russo. 

I rapporti diplomatici tra Italia e Qatar sono positivi e una visita importante a tale riguardo è stata quella del 20 dicembre 2020 del ministro degli Esteri italiano, Luigi di Maio, a Doha, in Qatar. Durante i due giorni di permanenza, il ministro ha firmato un Memorandum d’Intesa per lanciare il cosiddetto Dialogo Strategico. Il 21 dicembre, Di Maio ha poi preso parte ad una Tavola Rotonda sulla Green Economy con il Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni del Qatar, Jassim Bin Saif Al Sulaiti. Dopo l’incontro, il Ministro italiano ha tenuto colloqui con il primo ministro e ministro dell’Interno. 

Durante la sua missione nel Paese del Golfo, il ministro degli Esteri italiano ha anche incontrato il presidente della Qatar Foundation for Development, Education & Research, Sheikh Moza bint Nasser, e il segretario generale del Supreme Committee for Delivery & Legacy, Hassan Al- Thawadi. Prima di rientrare in Italia, il ministro Di Maio ha poi salutato lo staff dell’Ambasciata Italiana e il personale militare in missione presso la base militare di Al Udeid. A tal proposito, il 10 e 11 novembre è stato a Doha il ministro della Difesa italiano, Lorenzo Guerini, che aveva incontrato il vice primo ministro e ministro di Stato per la Difesa del Qatar, Khalid bin Mohamed al-Attiyah. In tale occasione, i due rappresentanti avevano firmato un accordo di cooperazione tra l’Aeronautica Militare del Qatar e l’Aeronautica Militare Italiana sul programma di addestramento del personale militare.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.