Argentina-Bolivia: incontro tra ministri degli Esteri per discutere di litio e Mercosur

Pubblicato il 12 marzo 2021 alle 20:27 in Argentina Bolivia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Argentina e Bolivia hanno rilanciato le loro relazioni bilaterali ponendo l’accento sugli scambi commerciali, sugli investimenti e sulla cooperazione politica. L’intesa è avvenuta nel quadro della visita ufficiale a La Paz del ministro degli Esteri argentino, Felipe Solá, giovedì 11 marzo. Nella città boliviana, sede del governo e del Parlamento, quest’ultimo ha incontrato l’omologo Rogelio Mayta e con lui ha discusso di una pluralità di questioni. “Abbiamo avuto una giornata di lavoro più che interessante, in cui abbiamo affrontato molte questioni importanti”, ha dichiarato il ministro degli Esteri argentino.

Uno dei temi è stata la cooperazione tra i due Paesi in materia di estrazione e industrializzazione del litio. “La questione è quali sono le reali possibilità di industrializzare il litio e in questo modo elaborare prodotti con valore aggiunto. La stiamo affrontando molto seriamente”, ha assicurato Solà in una conferenza stampa successiva alla riunione. Focus dell’incontro è stata poi la discussione sull’ingresso a pieno titolo della Bolivia nel Mercato comune dell’America del Sud (Mercosur), composto da Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay. Riguardo a questo argomento, il ministro Solà ha specificato che, per finalizzare la decisione, manca solo l’approvazione del Parlamento brasiliano e ha ipotizzato che l’annuncio della ratifica potrebbe avvenire il 26 marzo a Buenos Aires, in occasione del vertice per il 30esimo anniversario della nascita del blocco regionale.

Nel comunicato congiunto emesso al termine della riunione e composto da 38 punti, i due Paesi hanno dunque ribadito “l’interesse comune ad arrivare ad un Memorandum d’intesa in materia di litio che permetta potenziare le capacità di entrambi” e hanno sottolineato “l’importanza di una rapida culminazione del processo di ratificazione dell’adesione dello Stato plurinazionale della Bolivia come membro a pieno titolo del Mercosur”. Oltre a questi due temi, i ministri degli Esteri di Bolivia e Argentina hanno anche messo in evidenza la necessità di portare avanti gli sforzi congiunti nella lotta alla pandemia di coronavirus, come l’acquisto di vaccini e test diagnostici, soprattutto dopo che il primo lotto di dosi del siero russo Sputnik V è arrivato su un volo dalla Russia a Buenos Aires e, da qui, è stato imbarcato su un aereo della compagnia statale boliviana BoA che lo ha portato nel Paese. Solá ha infine discusso di commercio e investimenti con il presidente boliviano, Luis Arce, durante un incontro presso la Casa Grande del Pueblo, sede del governo.

Alla fine della visita, Bolivia e Argentina hanno firmato l’Accordo Generale su Cooperazione, Integrazione e Fratellanza, che definisce le relazioni bilaterali per i prossimi dieci anni. Il progetto si articola nei seguenti punti: cooperazione sulle infrastrutture, integrazione delle frontiere, accordi per il transito, cooperazione nell’industria nucleare, spaziale e della difesa e integrazione nel campo dell’energia e delle filiere produttive legate allo sfruttamento del litio. Allo stesso modo, i due governi hanno deciso di lavorare insieme per la difesa dei diritti umani, la protezione dell’ambiente, lo sviluppo sociale e la politica di genere. Il ministro boliviano Mayta ha infine ribadito la sua gratitudine al governo del presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, e al suo ministro degli Esteri per l’aiuto all’ex presidente della Bolivia, Evo Morales, il quale, dopo la crisi del 2019, si era rifugiato per quasi 11 mesi nel Paese. Da parte sua, Solá ha ribadito la gratitudine dell’Argentina al “tradizionale sostegno boliviano” alla sovranità rivendicata da Buenos Aires sulle Isole Falkland. Queste ultime, nonostante siano considerate dal governo argentino parte integrante del suo territorio, sono incluse nella lista ONU dei territori non autonomi e il Regno Unito se ne dichiara sovrano.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.