Yemen: l’esercito avanza verso al-Jawf

Pubblicato il 23 febbraio 2021 alle 12:00 in Medio Oriente Yemen

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le forze dell’esercito yemenita sono riuscite ad avanzare nel governatorato yemenita Nord-occidentale di al-Jawf, in un momento in cui le milizie di ribelli sciiti Houthi sono impegnate nell’offensiva a Ma’arib per la terza settimana consecutiva.

Stando a quanto riportato da al-Arabiya, sulla base delle informazioni fornite da fonti dell’esercito, il 22 febbraio le forze filogovernative, coadiuvate dalla coalizione internazionale a guida saudita, hanno lanciato un contrattacco su più assi presso il fronte di al-Jadafar, situato a Est del capoluogo di al-Jawf, Hazm. In questo modo, le forze della cosiddetta “legittimità” sono riuscite a liberare vaste aree nei distretti di al-Jadafar e Raghwan, oltre a provocare perdite materiali e in termini di vite umane per il gruppo sciita. Le milizie ribelli, stando a quanto riferito, sono state costrette a fuggire, abbandonando armi leggere e di medio calibro e diverse munizioni nelle postazioni precedentemente occupate. Tuttavia, è stato precisato, le battaglie sono ancora in corso.

Risale al 12 marzo 2020 la dichiarazione del portavoce dell’esercito yemenita, il brigadiere Abdo Majali, il quale aveva affermato che i ribelli sciiti avevano subito una grave sconfitta presso il fronte di Khob al-Sha’af, nella provincia settentrionale di al-Jawf, portando, in tal modo, le forze yemenite a prendere il controllo dell’85% di tale area e il 75% dell’intero governatorato. Un risultato simile era giunto dopo che, il primo marzo dello stesso anno, i ribelli avevano annunciato la conquista del capoluogo di Hazm, costringendo le forze filogovernative a ritirarsi verso Est. Assumere il controllo di Hazm aveva consentito al gruppo sciita di espandere la propria presenza in una terza regione prossima all’Arabia Saudita, dopo Saada e Hajjah. Tuttavia, l’esercito yemenita ha continuato, fin da subito, a condurre attacchi e battaglie per ripristinare il proprio controllo sull’area, insieme alle forze della coalizione guidata da Riad.

Sono state proprio queste ultime a condurre attacchi aerei, tra il 21 e il 22 febbraio, contro le zone controllate dagli Houthi presso Maarib e al-Jawf e, nello specifico, a Sarwah e Khab e Shaaf. Questi sono da inserirsi nel quadro delle violente tensioni che caratterizzano da settimane i fronti di Maarib, una delle ultime regioni centro-settentrionali poste sotto il controllo delle forze legate al presidente legittimo, Rabbo Mansour Hadi, e che gli Houthi cercano di conquistare per completare i propri piani espansionistici.

Come riferisce il quotidiano Asharq al-Awsat, nonostante le perdite subite dalle milizie ribelli, queste ultime hanno continuato a mobilitarsi e ad inviare rinforzi. In particolare, fonti di Sana’a hanno riferito che sono circa 10.000 gli uomini reclutati di recente e inviati a Ma’arib, provenienti perlopiù dai governatorati di Dhamar, Ibb e Taiz. In generale, è stato rivelato dalle fonti, si assiste a un clima di mobilitazione che vede impegnati altresì sceicchi e leader tribali locali. L’obiettivo della nuova offensiva, hanno riferito i leader del gruppo sciita, è prendere possesso delle risorse petrolifere e di gas di Ma’rib e rispondere al perdurante assedio dell’esercito yemenita e dei suoi alleati internazionali.

Le violente tensioni a Ma’arib hanno destato preoccupazione a livello internazionale. A tal proposito, il ministro dell’Informazione yemenita, Moammar al-Eryani, il 18 febbraio, ha messo in guardia da una possibile catastrofe umanitaria in una regione che ospita circa 90 campi profughi, e dal 2014 ha accolto quasi 318.000 famiglie, per un totale di due milioni e 231.000 sfollati, il che costituisce il 60% degli sfollati di tutto lo Yemen. In tale quadro, dal 7 al 13 febbraio, sono state 655 le famiglie yemenite, circa 3.930 persone, costrette a sfollare nella regione. Come confermato anche dai rapporti dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), i dati registrati dal 2020 al 13 febbraio hanno reso lo Yemen il quarto Paese, a livello internazionale, con il maggior numero di sfollati interni, pari, in tale lasso temporale, a 178.000 yemeniti.

 

 

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano in Italia interamente dedicato alla politica internazionale

Piera Laurenza, interprete di arabo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.