Cina-USA: l’appello di Pechino a Biden per riparare i rapporti bilaterali

Pubblicato il 22 febbraio 2021 alle 11:04 in Cina USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli Affari Esteri della Cina, Wang Yi, il 22 febbraio, ha tenuto un discorso al forum “Dialogo e cooperazione, promuovere la ripresa delle relazioni tra Cina e USA”, nel quale ha elencato le condizioni per ripristinare i legami sino-statunitensi, rivolgendo un appello a Washington affinché rimuova i dazi sulle importazioni cinesi e le pressioni sul settore tecnologico.

Wang ha innanzitutto ricordato la telefonata intercorsa tra il presidente cinese, Xi Jinping, e il suo omologo statunitense, Joe Biden, lo scorso 11 febbraio, durante la quale le parti hanno affermato che sia necessario aumentare la comprensione reciproca ed evitare errori di giudizio, così come scontri e conflitti e sbloccare i canali di dialogo per promuovere scambi e cooperazione.

A tal proposito, Wang ha quindi affermato che per far sì che le relazioni sino-statunitensi tornino “sulla retta via” sia innanzitutto necessario abbattere il muro di incomprensioni riguardanti la Cina, guardare al Paese con oggettività, conoscerlo e comprenderlo. Wang ha imputato il deterioramento degli ultimi anni nelle relazioni bilaterali sino-statunitensi, arrivate al peggior punto nella loro storia, alle azioni della precedente amministrazione dell’ex presidente statunitense, Donald Trump. Il ministro degli Affari Esteri cinese ha quindi affermato di sperare che, nella revisione della politica estera statunitense che l’amministrazione Biden sta portando avanti, gli USA si atterranno ai trend del momento storico, guarderanno al grande quadro globale, abbandoneranno ogni forma di pregiudizio ed eviteranno irragionevoli sospetti, per promuovere il ritorno della razionalità nelle politiche verso la Cina, realizzando così uno sviluppo stabile e sano delle relazioni bilaterali.

In concreto, sono quattro i consigli avanzati da Wang affinché tutto ciò si verifichi. Primo fra tutti, è necessario il rispetto reciproco e quindi la non interferenza nei rispettivi affari interni. In secondo luogo, rafforzare il dialogo, così da gestire appropriatamente le divergenze e contraddizioni, sarà un’altra priorità. In terza istanza, è necessario poi “trovarsi a metà strada” e far ripartire la cooperazione di muto vantaggio tra le parti. Infine, rimuovere gli ostacoli e far riprendere gli scambi sino-statunitensi in ogni settore sarà un altro fattore determinante.

Ripetendo le parole già pronunciate da Xi, Wang ha affermato che la cooperazione sino-statunitense può portare benefici ad entrambe ma lo scontro, al contrario, danneggerebbe sia Pechino sia Washington, come dimostrato dalla storia. Per il ministro, gli spazi di cooperazione possono essere ampi e possono giovare al mondo intero. In particolare, al momento, sono tre gli ambiti più urgenti per la comunità internazionale, ovvero la lotta al coronavirus, la risposta al cambiamento climatico e la ripresa dell’economia mondiale.

Dal punto di vista commerciale, Wang ha dichiarato che la Cina ha notato con piacere i successi ottenuti dalle aziende statunitensi sul proprio territorio e ha affermato che continuerà ad adottare misure favorevoli per migliorare l’ambiente degli affari cinese. Allo stesso tempo, però, la Cina spera che gli USA aggiustino le proprie politiche verso la Cina, smettano di imporre dazi irragionevoli sui prodotti cinesi e rinuncino a tutte le sanzioni unilaterali sulle proprie aziende e le istituzioni, smettano di fare pressioni sullo sviluppo tecnologico e scientifico della Cina e forniscano le condizioni necessarie alla cooperazione.

Le relazioni tra Pechino e Washington hanno raggiunto livelli minimi dall’allacciamento delle relazioni bilaterali, il primo gennaio 1979, durante l’amministrazione Trump e molte questioni restano ancora aperte. L’amministrazione Biden ha finora dimostrato di voler mantenere un approccio risoluto verso la Cina e di collaborare “laddove sia nell’interesse del popolo statunitense”.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.