Palestina: dai colloqui del Cairo all’incontro della Lega araba

Pubblicato il 9 febbraio 2021 alle 11:49 in Egitto Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I ministri degli Esteri dei Paesi membri della Lega araba hanno affermato che la causa palestinese rappresenta una priorità e si sono detti disposti a sostenere i “diritti inalienabili” del popolo palestinese, tra cui il diritto all’autodeterminazione e l’istituzione di uno Stato palestinese con piena sovranità, da stabilirsi secondo i confini del 4 giugno 1967, e con Gerusalemme Est come capitale.

La dichiarazione è giunta l’8 febbraio, a margine di un incontro straordinario, svoltosi al Cairo su invito della Giordania e dell’Egitto, durante il quale i ministri dell’organizzazione panaraba hanno ribadito la propria adesione a una soluzione a due Stati per il conflitto israelo-palestinese. Tale soluzione prevede l’istituzione di uno Stato palestinese indipendente e sovrano, sulla base del diritto internazionale, delle relative decisioni stabilite all’interno di consessi internazionali e dell’Iniziativa per la pace araba, le quali mirano a giungere a una pace giusta e duratura per la regione del Medio Oriente. In tale quadro, Israele è stato esortato a rispondere all’Iniziativa di pace araba del 2002, attraverso la ripresa immediata dei negoziati di pace.  

A tal proposito, i ministri della Lega araba hanno evidenziato il proprio rifiuto verso qualsiasi iniziativa unilaterale di Israele o di qualsiasi mossa che violi i diritti del popolo palestinese, il diritto internazionale, o che mini la soluzione a due Stati. É stata poi evidenziata la necessità di rispettare le risoluzioni internazionali, tra cui quelle del Consiglio di Sicurezza, in cui viene richiesta una cessazione immediata e completa di tutte le attività di insediamento da parte israeliana. I ministri hanno poi esortato tutte le parti internazionali, comprese le Nazioni Unite e il Quartetto internazionale, a “prendere provvedimenti concreti per avviare negoziati credibili che affrontino tutte le questioni relative allo status finale”, con l’obiettivo di porre fine all’occupazione israeliana nel territorio palestinese e di raggiungere una pace giusta e inclusiva.

L’incontro straordinario della Lega araba si è svolto in concomitanza con l’inizio di un meeting, anch’esso ospitato dall’Egitto, tra le 14 fazioni palestinesi. Tra i partecipanti vi sono anche i due gruppi un tempo rivali, Hamas e Fatah. A tal proposito, il ministro degli Esteri dell’Autorità Palestinese, Riyad al-Maliki, si è detto speranzoso circa il successo del dialogo politico appena iniziato, il quale mira a riunire l’intera famiglia palestinese e a proseguire il cammino verso le elezioni legislative, presidenziali e del Consiglio nazionale, le prime per la Palestina negli ultimi 15 anni, che si prevede si terranno separatamente il 22 maggio, il 31 luglio e il 31 agosto.

L’incontro del Cairo iniziato l’8 febbraio mira principalmente a concordare il meccanismo per lo svolgimento delle elezioni, tra cui la scelta di liste congiunte tra Fatah e Hamas o unilaterali e gli strumenti volti a garantire trasparenza, integrità e il successo dell’intero processo democratico. I lavori si svolgono sotto l’egida del presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi, e si spera possano portare a intese in grado di inaugurare una “nuova fase nella storia della Palestina”, oltre che a una road map unificata, punto di riferimento per tutti i gruppi. In tale quadro, il capo dell’ufficio politico di Hamas, Ismail Haniyeh, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale in cui ha ribadito la necessità di giungere a un accordo nazionale che stabilisca una nuova fase politica e un sistema basato sui principi di partenariato e pluralismo politico.

Come specificato da Haniyeh, il dialogo del Cairo rappresenta il culmine di un processo intrapreso da mesi. In particolare, già il 3 settembre, i gruppi palestinesi avevano deciso di mettere in atto una “strategia palestinese” in grado di contrastare i piani di annessione della Cisgiordania, il cosiddetto “accordo del secolo”, annunciato dall’ex capo della Casa Bianca, Donald Trump, il 28 gennaio, e i progetti di normalizzazione di Israele.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano in Italia interamente dedicato alla politica internazionale

Piera Laurenza, interprete di arabo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.