Maduro: “Colombia e Spagna preparano attacchi terroristici contro il Venezuela”

Pubblicato il 9 febbraio 2021 alle 6:11 in Spagna Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha denunciato che i governi di Colombia e Spagna dirigono e pianificano attacchi terroristici contro il suo Paese, dopo l’attacco fallito contro l’Assemblea nazionale.

“Dalla Colombia, dal Palazzo di Nariño (sede del governo), una cospirazione permanente è in atto per attaccare il Venezuela, per commettere attacchi terroristici (…) dalla Spagna vengono diretti questi e altri attacchi, ma il governo spagnolo fa finta di nulla”, ha dichiarato il presidente durante un discorso trasmesso dal canale di stato Venezolana de Televisión.

Maduro ha indicato che il governo spagnolo protegge l’avversario e fuggitivo dalla giustizia venezuelana, Leopoldo López, che ha accusato di essere il leader dei piani terroristici che sono stati portati avanti nel paese sudamericano.

“Sarebbe molto facile per i servizi segreti spagnoli indagare su tutte le denunce e le prove fornite dall’Assemblea nazionale (contro López). Sarebbe molto semplice perché il livello tecnologico e la capacità investigativa della polizia spagnola è molto grande, ma non non vogliono farlo, stanno proteggendo un terrorista”, ha dichiarato.

Il presidente ha ribadito che López ha organizzato la cosiddetta Operazione Gedeón dall’ambasciata spagnola a Caracas, un’incursione marittima avvenuta il 3 maggio 2020 che mirava a destabilizzare il Paese, assassinare i membri dell’esecutivo e lo stesso Maduro.

Il leader venezuelano ha anche affermato che la partecipazione della Direzione dell’intelligence nazionale della Colombia nella preparazione, protezione e finanziamento dell’operazione Gedeon è dimostrata con prove inconfutabili.

Il 5 febbraio, il presidente del parlamento, Jorge Rodríguez, ha presentato presunte prove di un attacco fallito con esplosivi contro la sede legislativa.

Rodríguez ha sottolineato che in questo caso, l’ex ufficiale della sicurezza dell’Assemblea nazionale, Richard Alberto Grillet Álvarez, è stato arrestato il 26 gennaio, dopo aver ricevuto 5.000 dollari per collocare tre scatole di esplosivo in diverse aree del palazzo legislativo.

Il capo del parlamento ha dichiarato che Grillet sarebbe stato reclutato da Mariano Ugarte, un agente dell’intelligence statunitense in Colombia.

Grillet è stato accusato dalla Procura venezuelana per la presunta commissione dei crimini di terrorismo, alto tradimento e associazione a delinquere. 

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.