Ucraina: sanzioni ai media di opposizione

Pubblicato il 4 febbraio 2021 alle 9:13 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Con decreto del presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, verranno imposte sanzioni a diversi canali televisivi ucraini. L’ufficio del presidente giustifica la decisione con la presunta guerra d’informazione lanciata da Mosca ai danni di Kiev, ma per le opposizioni si tratta semplicemente di censura della libertà di espressione in Ucraina.

Il 2 febbraio, Zelensky ha reso attuativa la decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina di imporre sanzioni per cinque anni ai canali televisivi di opposizione 112.Ukraina, NewsOne e ZIK e al deputato Tarás Kozak, della coalizione Piattaforma di opposizione – Per la vita, proprietario di questi canali.

In risposta, la coalizione, strettamente legata a questi canali televisivi, ha lanciato una procedura di impeachment contro il presidente ucraino. Gli esponenti di Piattaforma di opposizione – Per la vita hanno accusato il presidente di aver “colpito il cuore della democrazia: la libertà di espressione” e hanno aggiunto che “l’esistenza di un’Ucraina democratica e indipendente è minacciata” dall’azione di Zelensky,

I canali soggetti alle sanzioni hanno già smesso di trasmettere i loro programmi sulla televisione nazionale, ma sono ancora disponibili su Internet.

Zelensky ha riconosciuto che la decisione è stata difficile, ma allo stesso tempo l’ha giustificata con la necessità di combattere la propaganda nel mezzo di una guerra dell’informazione.

Secondo Mosca questo è un nuovo esempio dell’isteria anti-russa in Ucraina, che ha raggiunto la fase terminale perché Kiev sta ora cercando di “zittire” i canali ucraini che semplicemente criticano il governo per aver preso decisioni sbagliate. “Non rappresentano nemmeno il punto di vista di Mosca”, riferiscono numerosi analisti, “sono semplicemente critici nei confronti del governo”.

I canali bloccati dalla decisione del presidente si sono distinti per la loro posizione moderata. È impossibile dire che fossero filo-russi, a giudicare dalla retorica impiegata in riferimento alle politiche di Mosca nell’Ucraina orientale, cioè nel Donbass, allineata a quella ufficiale. Tuttavia, ad esempio, hanno chiesto buon senso su questioni come l’acquisto del vaccino russo contro il COVID-19, che Kiev rifiuta, pur essendo quello più facilmente accessibile e meno costoso.

Nel frattempo, la Piattaforma di opposizione – Per la Vita ha anche definito la decisione di Zelenskyj una “usurpazione del potere”. Coloro che difendono la decisione affermano che i servizi speciali hanno concluso che i canali in questione sono finanziati dalla Russia. Tuttavia, sottolineano i deputati della coalizione, “ciò significherebbe che il Cremlino investe denaro in mezzi di comunicazione che in certi casi lo criticano fortemente”.

Il ministro ucraino della cultura e della politica dell’informazione, Olexandr Tkachenko, ha accolto con favore la decisione e ha definito “terrorismo” le attività di questi canali.

Le opposizioni sottolineano come Tkachenko sia stato per molti anni CEO di 1 + 1 Media Group, un rivale di canali sanzionati con una programmazione filo-governativa. Questo gruppo è attualmente oggetto di interesse dell’oligarca ucraino Ihor Kolomoisky, finanziatore e sostenitore del presidente Zelensky.

Zelensky ha giustificato la sua decisione con il fatto che i canali sanzionati sono portavoce di “propaganda finanziata dal paese aggressore [così Kiev si riferisce ufficialmente alla Russia dopo l’incorporazione della Crimea e il suo sostegno al Donbass] che sabota il percorso dell’Ucraina verso l’UE e verso l’integrazione atlantica”.

In precedenza, nel settembre 2019, 112.Ukraina e NewsOne erano stati privati del diritto alla trasmissione digitale a causa dell’uso della lingua russa nei loro programmi. Allo stesso tempo, le autorità giudiziarie hanno interrogato il deputato Tarás Kozak perché sospettato di “terrorismo”, ma alla fine non hanno formulato accuse concrete a suo carico.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.