Il presidente dell’Honduras annuncia l’arrivo del primo lotto di vaccini a febbraio

Pubblicato il 2 febbraio 2021 alle 6:20 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente dell’Honduras, Juan Orlando Hernández, ha annunciato tramite il social network Twitter che il primo lotto di vaccini contro il COVID-19 arriverà nel Paese centroamericano nella seconda metà di febbraio.

“Buone notizie Honduras! COVAX / GAVI ci ha informato che le prime dosi di vaccini contro il COVID-19 [fino a 800mila] arriveranno nel Paese nella seconda metà di questo febbraio. Ad ogni modo, continuiamo a lavorare per vaccinare la nostra popolazione. Il programma vaccinazione nazionale è già stato attivato”, ha scritto il presidente sul suo profilo Twitter.

Successivamente, un’altra pubblicazione da parte del presidente sullo stesso social network ha assicurato che: “Siamo pronti a mettere in moto tutte le strutture necessarie per la vaccinazione e la catena di distribuzione e applicazione in tutto il paese! Non appena avremo il vaccino, inizieremo a vaccinare il nostro personale in PRIMA LINEA, gli anziani e le persone con malattie croniche”.

Anche la Presidenza della Repubblica ha condiviso la notizia su Twitter: “Nella seconda metà di febbraio arriveranno le prime 800mila dosi di vaccini contro il COVID-19. Con l’arrivo del primo lotto di vaccini, comincia a prendere forma il cammino verso il controllo della pandemia in Honduras”.

Si tratta del primo lotto corrispondente alla donazione del meccanismo COVAX (collaborazione per un accesso equo globale ai vaccini contro il COVID-19) per immunizzare il 20% della popolazione del Paese centroamericano, ha specificato il quotidiano locale La Prensa.

Attraverso questa variante, il Paese centroamericano riceverà quasi quattro milioni di dosi per proteggere un milione 981mila persone, dal momento in cui ogni persona necessita di due dosi.

Il meccanismo COVAX è una collaborazione multinazionale, che include l’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), GAVI, la Fondazione Gates e i governi dei paesi aderenti con l’obiettivo di aumentare il sostegno finanziario per la ricerca e lo sviluppo, la produzione e l’accesso equo a livello globale ai test, alle terapie e alle licenze dei vaccini COVID-19, che sono inclusi in uno specifico programma di sviluppo chiamato “COVAX Pillar”. 

Il “COVAX Pillar” ha l’obiettivo di facilitare la licenza di diversi vaccini COVID-19, influenzando l’equità dei prezzi e fornendo pari accesso fino a 2 miliardi di dosi entro la fine del 2021 per proteggere gli operatori sanitari in prima linea e le persone ad alto rischio di infezione.

L’arrivo del primo lotto di 1,4 milioni di vaccini, acquistato dall’Instituto Hondureño de Seguridad Social (IHSS) e che andrà a coprire la vaccinazione di 700mila persone, è previsto per il prossimo 21 aprile.

L’Honduras, che ha segnalato il suo primo caso positivo di COVID-19 l’11 marzo 2020, riporta ad oggi 146.110 casi di contagio e oltre 3.500 decessi a causa del nuovo coronavirus Sars-CoV-2.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.