India: agricoltori invadono Nuova Delhi, scontri con la polizia

Pubblicato il 26 gennaio 2021 alle 10:39 in Asia India

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli agricoltori indiani hanno organizzato una manifestazione che prevede un raduno e una marcia di trattori e mezzi agricoli dalla periferia al centro di Nuova Delhi il 26 gennaio, nella giornata in cui l’India festeggia la 72esima festa della Repubblica, per protestare contro le tre nuove legge sull’agricoltura adottate dal governo indiano. Le manifestazioni sono sfociate in scontri violenti con la polizia.

Secondo alcune stime, alle manifestazioni del 26 gennaio nella capitale indiana avrebbero partecipato decine di migliaia di agricoltori che hanno marciato con trattori, automobili, cavalli e a piedi dalla periferia, dove sono accampati da mesi, al centro della capitale indiana. La popolazione della città ha accolto i manifestanti porgendo loro acqua e cibo e più gruppi studenteschi sono scesi in strada unendosi alle proteste degli agricoltori.

Prima dell’inizio delle manifestazioni del 26 gennaio, le forze dell’ordine sono state schierate in tutta la capitale e alla frontiera di Singhu, che è stata al centro delle proteste degli ultimi mesi, sono stati disposti centinaia di soldati e paramilitari armati di manganelli, armi da assalto e gas lacrimogeni, accompagnati da cannoni ad acqua. Oltre a Singhu, molte altre vie d’accesso alla capitale erano state bloccate con barricate di cemento e metallo per forzare la marcia degli agricoltori a seguire solamente determinate strade.

Le violenze sarebbero nate quando gli agricoltori hanno deciso di entrare a Nuova Delhi prima dell’orario concordato con le autorità e quando hanno rotto le barricate della polizia che ha poi risposto lanciando gas lacrimogeni e con cariche. Ciò nonostante, i manifestanti hanno portato avanti la marcia nel centro di Nuova Delhi declamando slogan contro il governo e costringendo le autorità a chiudere alcune fermate della metropolitana.

Gli agricoltori indiani sono accampati a decine di migliaia fuori dalla capitale indiana dal 27 novembre scorso, da dove hanno ripetutamente manifestato e bloccato le vie d’accesso alla città in segno di protesta. Sono stati almeno nove i round di negoziati finora organizzati tra governo e rappresentanti degli agricoltori, ma nessuno di essi è riuscito a risolvere lo stallo in corso, in quanto le parti sono rimaste ferme ognuna sulle proprie posizioni. Gli agricoltori vogliono la revoca totale delle tre leggi di liberalizzazione agricola adottate dall’esecutivo del premier indiano, Narendra Modi, il 27 settembre 2020. Il governo intende, invece, proseguire con la loro attuazione pur avendo proposto uno stallo di diciotto mesi alla loro implementazione per ascoltare le obiezioni degli agricoltori che hanno, però, respinto tale proposta. Anche la Corte suprema ha cercato di proporsi come mediatore tra le parti, ottenendo, però, scarso successo. Lo scorso 13 gennaio, l’esecutivo aveva chiesto alla stessa Corte suprema di vietare il raduno degli agricoltori del 26 gennaio ma tale richiesta non era stata accolta.

In base alle tre nuove leggi di liberalizzazione adottate da Modi, gli agricoltori potranno vendere i propri prodotti direttamente ovunque e a chiunque, non limitandone gli affari ai soli ingrossi regolati dal governo. 

Secondo l’opinione degli agricoltori, dell’opposizione e anche di alcuni tra le fila del governo di Modi, le tre nuove leggi sull’agricoltura consentiranno alle grandi aziende di avere il controllo sulla produzione, la lavorazione e il mercato agricoli e provocheranno un calo nel prezzo dei raccolti, rimuovendo gli acquisti da parte del governo e causando così perdite ai coltivatori. L’esecutivo di Modi ritiene, invece, che gli agricoltori siano stati fuorviati nel raggiungere tali conclusioni e che le nuove leggi rimuoveranno tutti gli impedimenti esistenti alle vendite dei loro prodotti, così come la necessità di intermediari, aumentando il guadagno degli agricoltori. Per l’esecutivo, le nuove leggi sarebbero necessarie per riformare il sistema agricolo indiano e consentire agli agricoltori la libertà di commerciare i propri prodotti liberamente, potenziando la produzione agricola in generale, grazie ad investimenti privati.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.