Presunto attacco segreto contro una base degli USA in Afghanistan

Pubblicato il 14 gennaio 2021 alle 19:53 in Afghanistan USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Negli Stati Uniti, gli esperti discutono di un presunto attacco contro la base militare statunitense di Camp Chapman, nei pressi della città di Khost, che sarebbe stato tenuto segreto. 

Fonti vicine ai talebani, citate dal quotidiano locale Tolo News, affermano che il gruppo è in attesa che il presidente eletto degli Joe Biden definisca la sua politica per l’Afghanistan, prima di accelerare nei colloqui di pace. Tuttavia, negli Stati Uniti il quadro di cosa succede nel Paese sembra essere poco chiaro, alla luce di nuove rivelazioni. Il 13 gennaio, la rivista specializzata Foreign Policy ha reso noto che a dicembre 2019 i talebani hanno lanciato un attacco contro una base militare statunitense nella provincia di Khost. L’assalto è stato considerato una violazione dell’accordo di pace USA-talebani, firmato il 29 febbraio 2020 a Doha, in Qatar. Tuttavia, secondo Foreign Policy, fonti locali e stampa internazionale non hanno dato notizie al riguardo, poiché i talebani e l’amministrazione del presidente uscente, Donald Trump, avrebbero cercato di mantenere l’attacco segreto. 

“Undici anni dopo una delle più grandi perdite di vite umane nella storia della CIA in una famigerata base militare nel Sud-Est dell’Afghanistan, Camp Chapman è stato nuovamente attaccato all’inizio di dicembre, una apparentemente palese violazione dell’accordo di pace tra Stati Uniti e talebani”, ha scritto Foreign Policy. “Tuttavia, a differenza dei precedenti quattro grandi attacchi a Camp Chapman, una base situata a Nord-Est della città di Khost, l’assalto mortale dello scorso dicembre non è stato segnalato e non è stato riconosciuto. L’attacco ha ucciso quattro membri della Khost Protection Force, o KPF – una milizia addestrata ed equipaggiata dalla CIA che mantiene una presa di ferro sulla provincia – così come tre soldati afgani e almeno sei civili “, si legge nell’articolo. 

Washington e la missione a guida NATO in Afghanistan non hanno condiviso alcuna informazione su un simile attacco a dicembre. Quotidiani statunitensi hanno fatto domande al riguardo, senza ricevere risposte. Secondo Foreign Policy, immediatamente dopo l’assalto, sia all’esercito afghano sia alla polizia di Khost è stato negato l’accesso al campo. Inoltre, il Ministero degli Interni afghano e il Dipartimento di Tecnica Criminale di Kabul hanno dichiarato di non avere alcuna documentazione dell’incidente. Vale la pena però sottolineare che l’attacco è avvenuto circa sei settimane prima della scadenza fissata dagli Stati Uniti per ritirare le proprie truppe in Afghanistan. Secondo gli analisti statunitensi, un attacco del genere avrebbe sottolineato sia il vuoto che le truppe degli USA si lasciano alle spalle ritirandosi dall’Afghanistan, sia i molti modi in cui i talebani sembrano violare i termini del loro accordo di pace. Stando a Foreign Policy, “il silenzio assordante” attorno all’attacco a Camp Chapman fa parte di un “modello di mancanza di trasparenza e informazione sulla missione degli Stati Uniti nel Paese, poiché Washington sta sempre più chiudendo un occhio davanti a un’ondata di attacchi terroristici negli ultimi mesi, compresi gli attacchi contro le basi a lungo associato alle forze statunitensi”.

Intanto, la situazione nel Paese rimane complessa, considerando che anche i progressi diplomatici intra-afghani continuano a rilento. I negoziatori dei talebani e del governo afghano hanno tenuto 3 incontri, dal 9 al 14 gennaio, e hanno annunciato che l’ordine del giorno da discutere ai colloqui di pace è stato diviso in sei categorie. Entrambe le parti hanno confermato che il raggiungimento di un consenso sull’agenda sta richiedendo più tempo del previsto, ma le parti sono ottimiste sul fatto che la questione sarà risolta entro la prossima settimana. Secondo le fonti, l’insistenza dei talebani nel focalizzare i colloqui sul sistema politico ha prolungato il processo. “La richiesta fondamentale del popolo afghano è ripristinare una pace sostenibile e un cessate il fuoco permanente, quindi ci stiamo concentrando sul cessate il fuoco insieme all’agenda dei colloqui”, ha dichiarato Sharifa Zurmati Wardak, un membro della squadra negoziale della Repubblica Islamica dell’Afghanistan. 

Nel frattempo, il presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani ha nuovamente invitato i talebani ad accettare un cessate il fuoco. Fermare la guerra e lo spargimento di sangue e concordare un cessate il fuoco sono le priorità, secondo Ghani. Allo stesso tempo, alcuni leader politici afghani hanno dichiarato che l’istituzione di un governo ad interim come parte del processo di pace potrebbe migliorare l’efficacia dei negoziati. “La maggior parte dei politici crede che la creazione di un governo ad interim sia una necessità, che ci sarà anche un cessate il fuoco dopo l’istituzione di un governo ad interim”, ha dichiarato Mohammad Ismail Khan, un ex comandante mujaheddin. Il 7 gennaio, Ghani aveva escluso la possibilità di istituire un governo ad interim. Il presidente ha affermato che l’attuale sistema politico deve essere protetto e il potere deve essere trasferito pacificamente e legalmente. Secondo Ghani, il popolo afghano non è favorevole allo scioglimento del governo e all’indebolimento della democrazia. Quindi, il suo principale dovere di presidente è quello di trasferire pacificamente il potere al suo successore, secondo la legge.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.