La crisi di governo italiana vista dall’estero

Pubblicato il 14 gennaio 2021 alle 15:14 in Europa Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La stampa internazionale, il 14 gennaio, ha commentato la crisi di Governo italiana, innescata dalle dimissioni dei ministri del partito di Matteo Renzi, Italia Viva. Come è percepita la questione all’estero. 

La sera del 13 gennaio, in una conferenza stampa, Renzi ha annunciato le dimissioni di due ministri del suo partito, Teresa Bellanova ed Elena Bonetti, a seguito di settimane di scontri su una serie di questioni, tra cui il piano di ripresa economica italiano post-pandemia.

Il New York Times pubblica un articolo sulla crisi di Governo italiana che si apre sottolineando che l’attuale situazione non è altro che l’ultimo episodio della “storia di instabilità politica dell’Italia”. Secondo il quotidiano statunitense, l’incertezza riemerge in tempi difficili, nel mezzo di una pandemia che ha devastato il Paese e “ha sollevato dubbi sulla competenza della leadership e ha intensificato le battaglie politiche”. Il Governo italiano viene definito “una traballante coalizione di convenienza tra populisti sempre più impopolari e l’establishment di centro-sinistra”. Il Paese viene descritto come “sull’orlo dell’implosione tra lotte di potere, complotti di vendetta e controversie ideologiche sulle questioni europee”. L’Italia si trova ora in un periodo “familiare di incertezza politica, ma in una situazione molto più pericolosa, vista la pandemia”.

In seguito, il quotidiano sottolinea che la crisi è stata innescata dalle dimissioni dei ministri del Governo, annunciata dall’ex premier, Matteo Renzi, che controlla “un piccolo ma critico partito di appoggio alla maggioranza”. Il Times aggiunge quindi “che i nervosi leader politici” degli altri partiti hanno passato la settimana a cercare di evitare la crisi, che mette il premier Giuseppe Conte in una posizione difficile. Inoltre, l’articolo fornisce una valutazione della percezione italiana della situazione: “Gli elettori italiani, che in gran parte non capiscono o non si preoccupano delle macchinazioni e delle battaglie tra i leader politici, sono preoccupati che il crollo possa ostacolare la battaglia contro il virus dell’Italia e ritardare il ritorno a una parvenza di normalità”.

Il quotidiano britannico, The Guardian, definisce quella di Renzi “una mossa impopolare”, che fa precipitare l’Italia nel caos e che rischia di portare il Paese a nuove elezioni. Un articolo del 14 gennaio sottolinea che il premier Conte è ora privato della maggioranza parlamentare, nel momento peggiore possibile per l’Italia “che lotta per contenere la pandemia di coronavirus e per uscire dal pantano economico”. Il quotidiano britannico evidenzia che “la manovra di Renzi ha lasciato gli osservatori perplessi sulle sue motivazioni” e poi cita alcune criticità politiche relative ad Italia Viva e al suo leader. “La sua popolarità è precipitata gravemente da quando è stato costretto a dimettersi da premier, dopo il fallimento del suo referendum alla fine del 2016, e Italia Viva si attesta a meno del 3% nei sondaggi elettorali di opinione”. Infine, il Guardian fa riferimento al fatto che Renzi sia noto come “the Demolition Man”, in riferimento allo slogan della “rottamazione” caro all’ex premier italiano. 

Il quotidiano francese, France24, fornisce una panoramica della crisi e delle posizioni, poi passa a commentare i fatti, affermando che Renzi “è noto per i suoi giochi di potere”. “È diventato primo ministro nel 2014 dopo aver manovrato il Partito Democratico al Governo per estromettere Enrico Letta”. Il quotidiano francese sottolinea però che l’ex premier “ha perso una scommessa politica due anni dopo, quando ha puntato sulla sua vittoria in un referendum costituzionale che è fallito, costringendolo a dimettersi”. Ricostruendo in breve i fatti che si sono susseguiti, France24 racconta che Renzi ha poi rotto con i suoi colleghi del Partito Democratico e ha fondato Italia Viva. Il partito “anche se piccolo, ha abbastanza sostegno al Senato per far valere la sua voce nel Governo”. Il quotidiano sottolinea poi la reazione del ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha denunciato le tensioni che minacciano la vitalità della coalizione. Il ministro affermato che gli obiettivi dell’Italia sono “troppo importanti per rovinarli con polemiche inutili che feriscono tutti, e in particolare gli italiani che, con il vaccino, possono e devono uscire da questo lungo incubo che stiamo vivendo”.

Invece, secondo Al-Jazeera, Renzi ha comunque offerto “un ramoscello d’ulivo” a Conte, sottolineando la sua responsabilità e apertura rispetto alle possibili soluzioni. “Siamo pronti per tutti i tipi di discussioni”, ha dichiarato il leader di Italia Viva. Il quotidiano sottolinea quindi gli scenari possibili. Uno vede i partiti al Governo che provano a rinegoziare un nuovo patto con Italia Viva, che aprirebbe la strada a un importante rimpasto nell’esecutivo, con o senza Conte alla sua guida. Al-Jazeera sottolinea quindi che, se la coalizione non riesce a trovare un accordo su una via da seguire, il presidente della Repubblica italiano, Sergio Mattarella, cercherà “quasi certamente” di mettere insieme un governo di unità nazionale per far fronte all’emergenza sanitaria, che ha ucciso 80mila di italiani. Se ciò fallisse, conclude il quotidiano, l’unica opzione sarebbe tornare alle urne. 

Infine, Bloomberg ha sottolineato la reazione degli investitori all’accresciuta incertezza generata dalla crisi. I futures sul Bund tedesco sono aumentati di circa 20 punti, dopo l’annuncio, mentre i futures sui titoli del Tesoro italiano sono diminuiti. Tuttavia, il costo dei prestiti per il Governo italiano è aumentato in misura modesta negli ultimi giorni, a causa dell’instabilità politica. In ogni caso, secondo Bloomberg, la tempistica con cui si è presentata questa crisi per Conte “difficilmente potrebbe essere peggiore”, con l’Italia alle prese con il peggioramento della pandemia e la recessione. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.