Cina: Xi ordina all’Esercito prontezza al combattimento permanente

Pubblicato il 5 gennaio 2021 alle 11:55 in Asia Cina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il capo di Stato cinese, Xi Jinping, nonché presidente della Commissione Militare Centrale (CMC), ha firmato il primo ordine del 2021 della CMC, ordinando un’esercitazione di mobilitazione dell’intero Esercito, il 4 gennaio. 

Da un lato, Xi ha affermato che l’Esercito di Liberazione Popolare (EPL) della Cina debba essere pronto ad agire in qualsiasi momento e ha sottolineato la necessità della “prontezza al combattimento permanente”. Dall’altro, ha affermato che l’EPL debba potenziare significativamente l’utilizzo della tecnologia durante le proprie esercitazioni, restando al contempo aggiornato sugli ultimi sviluppi delle conoscenze nell’ambito militare e in quello delle alte tecnologie. 

In base all’ordine numero 1 del 2021, durante l’anno in corso, l’intero Esercito dovrà attenersi risolutamente a quanto indicato dal concetto di socialismo dalle caratteristiche cinesi per una nuova era, formulato da Xi Jinping.  Gli aspetti da approfondire saranno principalmente quattro ovvero, la prontezza al combattimento con esercitazioni pratiche, le operazioni congiunte di diverse branche dell’EPL, l’addestramento dal punto di vista tecnologico e scientifico come elementi cardine dell’efficacia di combattimento e attenersi alle regole in materia di addestramento.

Dal punto di vista delle tecnologie, l’EPL dovrà potenziare l’integrazione di nuovi equipaggiamenti, nuove forze e nuovi ambiti di combattimento nei propri sistemi di addestramento e nelle proprie operazioni. Nel 2021, i membri dell’EPL dovranno attenersi alle istruzioni della CMC e del Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC), raggiungendo importanti risultati in vista del centenario dalla fondazione del PCC, il prossimo primo luglio.

Nel 2020, Xi aveva istruito diversamente l’EPL, indicando alle forze armate cinesi di “gestire le crisi e scoraggiare il conflitto”. Nonostante nel 2021 non siano state specificate le cosiddette “lotte primarie”, dal punto di vista militare, nel 2020 la Cina ha assistito al riaccendersi delle tensioni con l’India lungo la Linea di Controllo Effettivo (LAC), ovvero il confine de facto tra le due Nazioni, lungo circa 3.800 km. Dall’inizio delle tensioni il 5 maggio 2020, il successivo 15 giugno, uno scontro non armato ha causato il maggior numero di decessi legati a lotte lungo la LAC dal 1967, con la morte di 20 soldati indiani e un numero di feriti tra le fila cinesi non dichiarato. Tutt’ora, gli eserciti indiano e cinese restano mobilitati lungo la LAC e sono in corso negoziati, sia a livello diplomatico, sia militare, per ridimensionare le tensioni che ad oggi non hanno però prodotto un’effettiva risoluzione. Oltre alla questione del confine sino-indiano, nel 2020 l’EPL ha altresì incrementato le operazioni militari nello Stretto di Taiwan e le esercitazioni nei cosiddetti “mari vicini”, ossia il Mar Giallo, il Mar Cinese Orientale e il Mar Cinese Meridionale. In quest’ultimo specchio d’acqua in particolare sono cresciute le tensioni con gli Stati Uniti che vi conducono frequenti operazioni con i mezzi della propria Marina e Aviazione.

Dall’ascesa al potere di Xi, che è a capo della CMC dal 2012 e della Cina in qualità di presidente dal 2013, sono aumentate le operazioni per la preparazione al conflitto dell’EPL che è stato sottoposto ad un generale cambiamento in un’ottica di modernizzazione nel 2016.

Dallo scorso primo gennaio, poi, è entrata in vigore la nuova Legge per la Difesa Nazionale, con la quale sono stati ampliati i poteri della CMC per mobilitare le risorse civili e militari cinesi sia nel Paese, sia all’estero, ed è stato ridimensionato il ruolo del Consiglio di Stato, l’organo amministrativo del Paese, nella formulazione delle politiche e nel potere decisionale relativi a questioni militari.

Leggi Sicurezza Internazionale, il quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.