Dal Golfo ancora segnali di distensione

Pubblicato il 28 dicembre 2020 alle 11:50 in Bahrein Qatar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I ministri degli Esteri dei Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC) hanno tenuto un meeting in videoconferenza in cui hanno affermato di voler rafforzare i legami di cooperazione e di superare le divergenze con Doha.

L’incontro virtuale, tenutosi il 27 dicembre, rappresenta un’anticipazione del 41esimo vertice del GCC che, il 5 gennaio prossimo, vedrà riuniti i medesimi Paesi membri in Arabia Saudita, con il fine di provare a risolvere la cosiddetta “crisi del Golfo”. Il riferimento va alla disputa iniziata il 5 giugno 2017, data in cui Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti (UAE) e Bahrain hanno imposto sul Qatar un embargo diplomatico, economico e logistico. Il blocco è nato dalle accuse rivolte contro Doha di sostegno e finanziamento di gruppi terroristici come Hamas ed Hezbollah, oltre che di appoggio all’Iran, il principale rivale di Riad nella regione.

Nelle ultime settimane, sono diversi i segnali e le dichiarazioni che hanno fatto pensare a un possibile disgelo delle tensioni. Non da ultimo, il 23 dicembre, il ministro degli Esteri qatariota, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman al-Thani, ha affermato che non vi è alcun ostacolo verso la risoluzione della crisi e ha rivelato di essere arrivati a “una svolta” nel processo di riconciliazione. In tale quadro, il 27 dicembre, i ministri dei Paesi membri del GCC hanno discusso delle decisioni e delle raccomandazioni sviluppate sino ad ora, volte a sostenere e rafforzare i piani di azione congiunta nel Golfo a livello politico, economico, e sociale, oltre a passare in rassegna gli ultimi sviluppi verificatisi nella regione.

Il Bahrein, che, a partire dal 5 gennaio prossimo assumerà la presidenza del GCC, si è detto fiducioso nel ruolo di Riad, il cui obiettivo è preservare la coesione del Consiglio e sanare le spaccature interne, così da intraprendere una nuova fase che dia impulso al dialogo, alla luce degli obblighi e degli impegni presi tra i diversi Stati del GCC. Il fine ultimo, è stato specificato dal ministro degli esteri bahreinita, Abdullatif bin Rashid al-Zayani, è proteggere gli interessi dei Paesi e dei popoli della regione, garantendo sicurezza e stabilità. Ciò implica continuare a profondere sforzi nella lotta al terrorismo e al suo finanziamento, contrastare le forme di incitamento all’odio e alla violenza, così come di ingerenza da parte di attori esterni. Al contempo, al-Zayani ha evidenziato “la necessità di porre fine ai conflitti e alle controversie regionali con mezzi pacifici e in conformità con le alleanze internazionali e i principi di buon vicinato”, oltre a lavorare per portare pace, stabilità e prosperità, così da ritornare alle condizioni precedenti, quando i confini terrestri e marittimi erano aperti e le fonti di sostentamento erano a disposizione di tutti.

I sei Paesi del GCC, gli Emirati Arabi Uniti (UAE), l’Arabia Saudita, l’Oman, il Bahrein, il Kuwait e il Qatar, guardano con fiducia al vertice del 5 gennaio. Fonti private hanno riferito che il cosiddetto “quartetto”, fautore del blocco, sembra essere disposto a trovare un compromesso sulla lista delle richieste presentate. Si tratta di 13 condizioni che Doha è stata chiamata a soddisfare per porre fine alla disputa, tra cui la chiusura del quotidiano d’informazione Al-Jazeera e della base militare turca a Doha e la limitazione delle relazioni con l’Iran. Il Qatar le più volte ha rigettate definendole “non realistiche”, oltre a rappresentare una violazione della propria sovranità. Tuttavia, si pensa che il meeting di gennaio non porterà a un accordo finale inclusivo, ma aprirà la strada verso la riconciliazione.

Per il Qatar, la crisi dovrebbe essere risolta attraverso il dialogo, il rispetto della sovranità e una politica di non ingerenza nelle questioni interne di ciascuno Stato. Il Paese crede che un’escalation tra i membri del GCC non porti beneficio a nessuno e la stessa Doha considera la sicurezza dell’intera regione del Golfo una priorità. “Usciremo vittoriosi dalla crisi se ricostruiremo la fiducia nel GCC in quanto istituzione regionale”, ha affermato al-Thani il 23 dicembre.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano in Italia interamente dedicato alla politica internazionale

Piera Laurenza, interprete di arabo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.