Coronavirus: arrivate in Italia prime dosi del vaccino

Pubblicato il 26 dicembre 2020 alle 16:08 in Europa Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

È arrivato allo Spallanzani di Roma il furgone con le prime 9.750 dosi del vaccino Pfizer/BioNTech da distribuire in tutta Italia entro domani, domenica 27 dicembre, quando prenderà il via la campagna di vaccinazione. Scortato dalle auto dei Carabinieri, il carico è arrivato allo Spallanzani intorno alle 11.30 di sabato 26 dicembre. Le 9.750 dosi sono state consegnate da Bruxelles. Una parte di queste sarà trasportata a Pratica di Mare, l’hub nazionale, dove 5 aerei, 2 C27J dell’Aeronautica, 2 Dornier Do.228 dell’Esercito e un P-180 della Marina, raggiungeranno le mete più lontane. La distribuzione del vaccino sul territorio italiano è stata stabilita secondo i criteri di priorità definiti dal Servizio sanitario nazionale.

Nel frattempo, su Twitter, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato: “Stiamo iniziando a voltare pagina in un anno difficile. Il vaccino è stato consegnato”. “La vaccinazione inizierà domani nell’UE”, ha assicurato, aggiungendo: “Le Giornate europee della vaccinazione sono un toccante momento di unità. La vaccinazione è la chiave per uscire dalla pandemia”.

L’Europa ha registrato un totale di oltre 25 milioni di casi di coronavirus dall’inizio della pandemia. I 52 Paesi della regione, compresi Russia e Caucaso, costituiscono l’area più colpita al mondo per numero di infezioni, davanti al Nord America, che conta circa 19.188.172 casi, all’America Latina e i Caraibi, che hanno registrato oltre 15.024.469 casi e all’Asia, con 13.617.004 casi totali. L’Europa è stata altresì la prima regione a superare la soglia del mezzo milione di morti il 17 dicembre.

L’Agenzia europea del farmaco (EMA) ha annunciato l’approvazione condizionata del vaccino Pfizer/BioNTech contro il coronavirus il 21 dicembre. Poco dopo, l’Unione Europea ne ha autorizzato la commercializzazione. 

L’UE è stata sottoposta a crescenti pressioni dopo le approvazioni di emergenza del vaccino da parte di USA e Regno Unito, rispettivamente il 12 e il 2 dicembre. Il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, commentando la decisione, ha definito l’autorizzazione dell’Agenzia europea “una pietra miliare nella lotta alla pandemia”. “Il vaccino ci spiana la strada fuori dalla crisi. E noi faremo di tutto per procedere su questa strada il più velocemente possibile”, ha aggiunto, assicurando: “Già il giorno dopo Natale i primi bisognosi di assistenza saranno vaccinati nelle case di cura”.

Il vaccino anti-coronavirus prodotto da Pfizer/BioNTech è considerato uno dei più promettenti mezzi potenziali attualmente a disposizione per contenere la pandemia. Oltre che con queste due aziende farmaceutiche, il blocco europeo ha firmato contratti anche con AstraZeneca, CureVac, Johnson & Johnson, Moderna e Sanofi-GlaxoSmithKline. Se tutti questi vaccini venissero approvati, ciò darebbe all’Unione fino a 2 miliardi di dosi per 450 milioni di residenti. Più di 1,6 milioni di persone sono morte a causa del COVID-19 in tutto il mondo dallo scoppio del virus, all’inizio di quest’anno.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha autorizzato l’utilizzo di emergenza, a livello nazionale, del vaccino contro il coronavirus della Pfizer/BioNTech l’11 dicembre. In base a quanto stabilito, durante il primo round di somministrazione, 2,9 milioni di dosi di vaccino saranno inoculate a persone con età superiore ai 16 anni e i primi a riceverlo saranno i lavoratori in ambito sanitario e gli anziani che vivono in strutture di assistenza a lunga permanenza. 

Prima degli USA, il 2 dicembre scorso, è stato il Regno Unito il primo Paese occidentale ad approvare un vaccino contro il coronavirus per l’uso di emergenza e anche in questo caso si è trattato di quello prodotto da Pfizer e BioNTech. Londra ha acquistato circa 40 milioni di dosi in totale e ha iniziato le prime inoculazioni lo scorso 8 dicembre. Intanto, anche il Canada ha approvato lo stesso vaccino. Altri Paesi che lo hanno autorizzato sono poi il Messico, il Bahrain e l’Arabia Saudita.

Le aziende Pfizer e BioNTech hanno dichiarato che la loro rete di produzione combinata possiede il potenziale per fornire, a livello globale, fino a 50 milioni di dosi di vaccino nel 2020 e fino a 1,3 miliardi di dosi entro la fine del 2021. Gli Stati Uniti hanno ordinato circa 100 milioni di dosi e l’Europa ne ha acquistate 200 milioni.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.