Israele allaccia relazioni diplomatiche con il Bhutan

Pubblicato il 13 dicembre 2020 alle 12:30 in Bhutan Israele

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Israele e il Bhutan hanno annunciato l’allacciamento delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi, il 12 dicembre. Le parti hanno rilasciato una dichiarazione congiunta nella quale hanno affermato che l’accordo raggiunto consentirà l’avvio di un percorso verso una maggiore cooperazione e un rafforzamento delle relazioni bilaterali.

Gli ambasciatori del Bhutan e di Israele in India, Vetsop Namgyel e Ron Malka, hanno organizzato una cerimonia per la firma dell’accordo con il quale i due Paesi, oltre a formalizzare le relazioni diplomatiche, hanno formulato un piano di lavoro congiunto, riguardante più aree quali la gestione delle acque, l’agricoltura e la sanità.  Tra i progetti elencati nella dichiarazione congiunta rilasciata alla fine dell’evento, le principali aree di cooperazione individuate riguarderanno i settori economico, tecnologico e agricolo, ma anche gli scambi culturali e il turismo saranno potenziati. Malka ha definito il 12 dicembre “una giornata storica” per il proprio Paese, sostenendo che l’accordo aprirà molte opportunità per entrambi i popoli.

Il Ministero Affari Esteri di Israele ha dichiarato che il risultato del 12 dicembre è stato raggiunto dopo molti anni di contatti segreti con il Bhutan, volti a stabilire le relazioni diplomatiche. “Il riconoscimento di Israele è in crescita e in espansione” ha affermato il ministro degli Affari Esteri israeliano, Gabi Ashkenazi, il quale ha commentato gli ultimi sviluppi nelle relazioni tra Israele e il Bhutan affermando che l’allacciamento dei rapporti diplomatici ha rappresentato un’altra “pietra miliare” per approfondire i legami del proprio Paese in Asia. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha accolto la notizia dal proprio profilo Twitter definendola un ulteriore risultato degli accordi di pace, e aggiungendo che, al momento, Israele è in contatto anche con altre Nazioni per normalizzare le relazioni bilaterali.

Il Bhutan è un Regno asiatico himalayano circondato dall’India e dalla Cina che conta meno di un milione di abitanti e che ha relazioni diplomatiche con 54 Paesi e con l’Unione Europea (UE). Il Bhutan ha spesso vantato la propria “indipendenza culturale e diplomatica” dal contesto della globalizzazione, adottando iniziative quali l’utilizzo della Felicità interna lorda anziché del Prodotto interno lordo come parametro per valutare la crescita nazionale, il mantenimento di un’economia negativa in termini di emissioni di carbonio e la limitazione del numero di turisti in ingresso, adottando tasse di soggiorno che arrivano fino a 250 dollari giornalieri nei periodi di alta stagione. La capitale bhutanese Thimphu, ad esempio, non ha semafori, le vendite di tabacchi sono poi proibite e l’utilizzo della televisione è stato consentito solamente a partire dal 1999. Nonostante il suo distacco da molti aspetti comuni ad altre Nazioni del contesto globale, anche il Paese sta affrontando, problemi diffusi quali la corruzione, la povertà delle campagne, la disoccupazione giovanile e la presenza di gruppi criminali.

Nonostante rappresenti un ulteriore riconoscimento, l’allacciamento delle relazioni bilaterali del Bhutan con Israele non è collegato al piano d’espansione dei rapporti bilaterali del Paese mediorientale con Nazioni arabe in Africa e Medio Oriente promossa dagli USA, con i quali Thimphu non ha relazioni formali. L’ultimo passo in tale direzione è stato compito lo scorso 10 ottobre, quando il presidente uscente degli USA, Donald Trump, ha annunciato la normalizzazione dei rapporti tra Israele e il Marocco, che   è diventato il quarto Paese arabo ad aver normalizzato, negli ultimi mesi, i rapporti con Tel Aviv, dopo Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Sudan.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.