La Banca Mondiale approva un prestito di 500 milioni di dollari per l’Ecuador

Pubblicato il 26 novembre 2020 alle 6:22 in Ecuador

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Comitato esecutivo della Banca Mondiale ha approvato un prestito di 500 milioni di dollari per l’Ecuador, ha riferito in un comunicato l’ente multilaterale.

“Le risorse del prestito forniranno assistenza al governo per mantenere il sostegno alle famiglie più colpite dalla pandemia di COVID-19, rafforzare le azioni per eliminare le barriere allo sviluppo del settore privato e stimolare la ripresa economica e promuovere l’efficienza del settore pubblico e della sostenibilità fiscale dopo la crisi”, si legge nel comunicato.

Inoltre, l’entità ha annunciato la consegna di 14,1 milioni di dollari non rimborsabili dal Global Concessional Financing Mechanism.

Il prestito, approvato nella giornata di martedì, è il terzo di una serie di tre operazioni di finanziamento programmatico a sostegno di politiche di sviluppo per la crescita inclusiva e sostenibile.

Il primo prestito di questa serie è stato erogato a giugno 2019 e il secondo a maggio 2020.

Questa terza erogazione va a sostegno del programma di riforme e delle esigenze di finanziamento del paese in un momento complesso per l’economia ecuadoriana, ha affermato la Banca Mondiale.

Il ministro delle finanze dell’Ecuador, Mauricio Pozo, ha sottolineato che il sostegno della Banca Mondiale è una dimostrazione della fiducia della comunità internazionale nei confronti del Paese e del programma economico del governo, aggiungendo che di fronte alla crisi causata dalla pandemia di COVID-19, la protezione dei gruppi più vulnerabili e la riattivazione economica del Paese sono la priorità del governo.

Nel frattempo, il direttore della Banca Mondiale per Bolivia, Cile, Ecuador e Perù, Marianne Fay, ha sottolineato che dall’inizio della pandemia la Banca Mondiale ha lavorato a stretto contatto con il governo ecuadoriano, con l’obiettivo di sostenere gli sforzi per affrontare e mitigare l’impatto del virus soprattutto sulle famiglie più vulnerabili.

La Banca Mondiale (World Bank) comprende due istituzioni internazionali: la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (BIRS) e l’Agenzia internazionale per lo sviluppo (AIS o IDA), che si sono prefisse l’obiettivo di lottare contro la povertà e organizzare aiuti e finanziamenti agli stati in difficoltà.

La sede della Banca Mondiale, che fa parte delle agenzie specializzate delle Nazioni Unite, è a Washington e il suo presidente è eletto per cinque anni dal consiglio di amministrazione della Banca.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.