Germania: rimandato il congresso per eleggere il nuovo leader della CDU

Pubblicato il 26 ottobre 2020 alle 16:21 in Europa Germania

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In Germania, il comitato esecutivo dell’Unione Cristiano-Democratica (CDU), il partito della cancelliera tedesca Angela Merkel, ha deciso di rinviare il congresso nazionale, previsto per il 4 dicembre, a causa delle difficoltà dovute alla nuova ondata di coronavirus. L’appuntamento, che non sarà possibile organizzare prima della fine di gennaio, servirà ad eleggere il nuovo leader di partito, ovvero il successore della Merkel nonché prossimo candidato alla cancelleria.

“La situazione attuale non consente più lo svolgimento della riunione del partito il 4 dicembre”, ha dichiarato il segretario generale della CDU, Paul Ziemiak, specificando che la decisione sulle modalità con cui tenere il prossimo congresso del partito verrà presa intorno al 16 gennaio. “Se la situazione della pandemia sarà ancora ingestibile, il partito dovrà tenere conto della possibilità di organizzare un dibattito telematico per l’elezione del nuovo leader, cui seguirà il voto per corrispondenza”, ha aggiunto Ziemiak. Chi verrà eletto come nuovo leader del partito sarà in pole position per succedere alla Merkel, al potere dal 2005, la quale ha assicurato che non cercherà la rielezione nelle elezioni federali previste per ottobre 2021.

È la seconda volta in meno di un anno che il congresso della Cdu viene rinviato a causa del Covid-19. Dopo le dimissioni di Kramp-Karrenbauer da presidente dei cristiano-democratici, annunciate il 10 febbraio scorso, l’elezione del successore era stata stabilita a Berlino per il 25 aprile. Tuttavia, a causa della diffusione del coronavirus, il congresso era stato rinviato a Stoccarda a dicembre.

Finora, a candidarsi alla presidenza della Cdu ci sono Friedrich Merz, esponente della destra del partito, Armin Laschet, primo ministro della Renania settentrionale-Vestfalia, e Norbert Roettgen, presidente della commissione Affari esteri del Bundestag. Mentre Merz insisteva sul tenere comunque il congresso nonostante la situazione critica dovuta al drastico aumento dei contagi nel Paese, Laschet, invece, era fortemente a favore di un suo rinvio.

Nel frattempo, nella giornata di lunedì 26 ottobre, la Merkel si è detta profondamente preoccupata per lo sviluppo della pandemia di coronavirus in Germania e ha sottolineato che l’aumento delle infezioni va assolutamente fermato. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Ansa, la cancelliera avrebbe parlato di una situazione “altamente dinamica ” e “drammatica”, lanciando l’allarme su un possibile impatto dell’aumento incontrollato dei contagi sulle terapie intensive tedesche. Sabato 24 ottobre, sono stati registrati quasi 15 mila nuovi contagi giornalieri. Il dato di lunedì 26 ottobre, invece, riportato dal Robert Koch Institut è più basso, pari a circa 8.685 nuovi positivi, ma la leggera flessione risente dell’impatto del weekend. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.