Sánchez a Roma sottolinea la grande sintonia tra Spagna e Italia

Pubblicato il 24 ottobre 2020 alle 6:15 in Italia Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez è volato a Roma per incontrare il premier Giuseppe Conte, poche prima della mozione di sfiducia presentata dal leader di Vox, formazione di destra radicale, Santiago Abascal. La mozione è stata respinta con 298 voti contrari e 52 a favore. Contro la mozione hanno votato non solo le forze che sostengono il governo ma anche tutta l’opposizione, popolari e liberali inclusi. Solo Vox ha votato per il suo leader. 

Secondo quanto comunica La Moncloa in una nota ufficiale, nel corso del loro incontro presso la sede del Governo italiano, Palazzo Chigi, Sánchez e Conte hanno mostrato la grande sintonia che esiste tra i due Paesi a livello europeo, come era già stato evidente a luglio durante le trattative dei Fondi a Bruxelles.

Spagna e Italia condividono preoccupazioni e approcci perché, come ha sottolineato Sánchez, “lavorando insieme possiamo rafforzare le nostre società e insieme possiamo anche rafforzare l’Unione Europea”.

Nella conferenza stampa dopo il bilaterale, Sánchez ha sottolineato che siamo di fronte a un momento chiave nella storia dell’Unione e che Spagna e Italia “condividono una diagnosi sulla crisi causata dalla pandemia e notiamo la necessità di attuare quanto prima le nostre strategie nazionali di superamento, che presentano somiglianze eccezionali”. Il premier spagnolo ha aggiunto di considerare essenziale che i 27 avviino con urgenza il piano di ripresa e il quadro finanziario pluriennale per iniziare a superare quanto prima le conseguenze della pandemia.

“Spagna e Italia hanno un grande potenziale economico e occupano una delle posizioni più importanti nelle loro reciproche relazioni commerciali in settori come automobili, carburanti e lubrificanti, abbigliamento, olio d’oliva, materie prime e semilavorati plastici. Altre aree di interesse comune sono i prodotti chimici per autoveicoli, le apparecchiature, i componenti e gli accessori e la farmaceutica” – ricorda la nota del governo di Madrid, che prosegue: “Uno dei punti che entrambi i paesi condividono è l’eccellenza del turismo, che li ha resi leader mondiali nel settore. In questo senso, la Spagna sostiene necessario che l’UE adotti protocolli coordinati di misure riguardanti il turismo, con corridoi sicuri e la preferenza per i test all’origine e alla destinazione, rispetto alle quarantene, ad esempio. I test consentirebbero viaggi sicuri sia per la persona che lo esegue sia per l’area che riceve il viaggiatore”.

Spagna e Italia condividono progetti di dimensione europea che verranno inseriti nei rispettivi piani di ripresa “in cui i nostri governi, insieme alle aziende di entrambi i Paesi, potrebbero lavorare insieme” – ha sottolineato il Presidente del Consiglio. Entrambi i paesi condividono interessi in settori come l’idrogeno, le batterie, l’intelligenza artificiale e i microprocessori.

Durante l’incontro con Conte, Sánchez ha sottolineato che la pandemia ha rivelato che le trasformazioni che già prima erano urgenti, non possono essere ulteriormente rimandate. Il governo spagnolo ritiene che queste aree, che costituiscono la spina dorsale del piano di ripresa, trasformazione e resilienza, siano: la transizione ecologica, la digitalizzazione dell’economia, la coesione sociale e territoriale e l’uguaglianza tra uomini e donne. Tutto ciò mira a ripristinare la crescita, incoraggiare la creazione di imprese e accelerare la creazione di posti di lavoro solidi e sostenibili senza lasciare indietro nessuno.

I fluidi rapporti tra i due Paesi sono stati evidenti quest’anno con la visita di Conte in Spagna a luglio. In questo senso, il 25 novembre prossimo, la Spagna ospiterà il Vertice bilaterale italo-spagnolo, che, per Sánchez, è una buona occasione per confermare questa volontà di fare un altro passo nel nostro rapporto, elevandolo al livello di riavvicinamento che chiede la cittadinanza. “Non è possibile che due alleati naturali e amici come Spagna e Italia non sfruttino al massimo il loro potenziale comune. Questo deve cambiare e noi lo cambieremo” – ha sottolineato il presidente spagnolo.

“Dobbiamo cercare la stessa armonia per garantire che il Fondo per la ripresa diventi efficace il prima possibile; per promuovere i principi di solidarietà, responsabilità e umanità di fronte al dibattito sulla migrazione; e per sviluppare un vicinato meridionale che confermi il Mar Mediterraneo come uno spazio di pace, dialogo e accordo” – ha aggiunto ancora Sánchez.

Il premier spagnolo ha partecipato, insieme a Conte, alla cerimonia di chiusura della XVII edizione del Forum del Dialogo Italia-Spagna, uno spazio di incontro che riunisce, da due decenni, rappresentanti del mondo politico, accademico, imprenditoriale, economico e della comunicazione di entrambi i paesi per analizzare le questioni di attualità internazionale. Quest’anno le discussioni si sono incentrate su “EU Next Generation”, lo strumento chiave del Fondo per il recupero concordato a luglio dai 27.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.