Incontro tra i ministri della Difesa di Italia e Slovenia

Pubblicato il 15 ottobre 2020 alle 19:26 in Italia Slovenia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 15 ottobre, a Roma, si è svolto un incontro tra il ministro della Difesa italiano, Lorenzo Guerini, e il ministro della Difesa e vice premier della Slovenia, Matej Tonin. I rappresentanti hanno discusso di un rafforzamento della politica di Sicurezza e Difesa europea e dell’Operazione Irini. 

L’incontro è avvenuto in mattinata, presso il Circolo Ufficiali dell’Esercito Pio IX. Secondo quanto riferito dal sito ufficiale del Ministero della Difesa italiano, Guerini ha voluto sottolineare la posizione dell’Italia, a favore di una maggiore cooperazione europea nel settore della Difesa. “L’Italia sostiene con convinzione il rafforzamento della politica di sicurezza e Difesa europea, in linea con l’ambizione di un’Europa più marcatamente geopolitica. Un rafforzamento necessario e complementare alla NATO, pilastro imprescindibile della nostra difesa collettiva”. A proposito di politica europea, il Ministero ricorda che la Slovenia, nel secondo semestre del 2021, deterrà la Presidenza del Consiglio UE.

I principali temi su cui si è concentrato l’incontro bilaterale sono stati: cooperazione bilaterale in ambito della Difesa, coordinamento e armonizzazione iniziative della NATO e dell’Unione Europea, cooperazione industriale, stabilità della regione balcanica, impegno della Difesa per l’emergenza Covid-19. “Profonde sono le relazioni tra Italia e Slovenia per riaffermare il nostro comune impegno svolto in ambito NATO e Unione Europea” ha dichiarato il Ministro Guerini. “Italia e Slovenia condividono la stessa visione sull’attenzione che l’Alleanza Atlantica e l’Unione Europea devono avere nei confronti del fronte Sud, settore di grande instabilità e determinante per la nostra sicurezza” ha affermato Guerini, rivolgendosi al Ministro Tonin.

Quindi, il ministro italiano ha ribadito l’importanza strategica dell’area del Mediterraneo e, in tal senso, ha sottolineato la possibilità di rafforzare l’Operazione Irini. “La Slovenia è un importante protagonista nell’ambito delle missioni e delle operazioni sia in ambito NATO che in Unione europea e fornisce un contributo rilevante in diversi scenari sia nei Balcani occidentali, sia in altre realtà come l’Afghanistan e il Libano”, ha continuato il ministro nel corso del bilaterale, sottolineando l’apprezzamento dell’Italia per il lavoro svolto nei vari teatri internazionali dove i contingenti italiani e sloveni operano fianco a fianco con risultati estremamente positivi. 

Guerini ha ribadito, inoltre, la volontà dell’Italia di mantenere un ruolo attivo nei Balcani Occidentali nell’ottica della fondamentale importanza della stabilità in questa regione. Infine, durante il colloquio, è stata ribadita la forte cooperazione nel campo dell’industria della Difesa e la volontà reciproca di incrementare tale collaborazione strategica. Da parte del ministro Tonin è giunto il ringraziamento all’Italia per tutte le attività di cooperazione in atto nel settore della Difesa, tra le quali anche quella in atto nello spazio aereo. Guerini ha quindi assicurato al collega piena disponibilità a sostenere programmi di formazione e addestramento per le Forze Armate nel campo terrestre, marittimo e aereo.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.