USA:Trump trasferito in un ospedale militare

Pubblicato il 3 ottobre 2020 alle 9:09 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato trasferito all’ospedale militare Walter Reed National Military Medical Center a Bethesda, nello Stato del Maryland, nella sera del 2 ottobre, dove sarà curato per aver contratto il coronavirus con farmaci sperimentali. La Casa Bianca ha reso noto che, al momento, Trump non ha trasferito i propri poteri al suo vice, Mike Pence.

Trump   ha lasciato Washington dopo 17 ore dall’annuncio della propria positività al coronavirus in elicottero, indossando mascherina protettiva e completo da lavoro ma senza rilasciare dichiarazioni alla stampa. Poco essere partito dalla Casa Bianca, il presidente statunitense ha pubblicato un video-messaggio su Twitter nel quale ha affermato che lui e la moglie, Melania Trump, stanno bene e che si recheranno allo Walter Reed per “assicurarsi che tutto proceda al meglio”.

La portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, ha reso noto che nei prossimi giorni Trump continuerà a svolgere le sue funzioni da una stanza dell’ospedale, per maggiore precauzione, su consiglio del suo medico e degli esperti.  McEnany ha poi aggiunto che il presidente statunitense, riportando sintomi lievi, aveva lavorato anche durante la giornata del 2 ottobre. Successivamente, un altro portavoce, Judd Deere, ha confermato che Trump non ha trasferito i propri poteri al vice presidente Pence, ribadendo che “Il presidente è in carica”.

Il medico della Casa Bianca, Sean P Conley, ha dichiarato che Trump sta ricevendo una terapia sperimentale composta da un più farmaci, aggiungendo che l’uomo “è affaticato ma di buon umore”. Tra i medicinali presi da Trump c’è il  REGN-COV2 che lo stesso capo della task force per il coronavirus negli USA, l’immunologo Anthony Fauci, ha affermato essere “promettente”. La Casa Bianca, il 3 ottobre, ha poi rivelato che gli esperti medici hanno deciso di iniziare a trattare Trump con il farmaco Remdesivir.

Il presidente Trump ha annunciato di essere positivo al coronavirus, insieme alla moglie, il 2 ottobre, con un post su Twitter. Secondo fonti vicine al leader statunitense, il 74enne avrebbe una leggera febbre, congestione nasale e tosse. Secondo un professore di scienze politiche al Cypress College in California, Peter Mathews, il fatto che il capo della Casa Bianca sia stato trasferito è particolarmente significativo perché avrebbe potuto restare in quarantena a Washington e a questo punto sarebbe importante sapere quali siano i piani per un eventuale trasferimento dei poteri.

Il contagio da coronavirus è arrivato in un momento molto delicato per Trump, ossia nel momento più saliente della campagna elettorale per le prossime elezioni presidenziali del 3 novembre, alle quali spera di assicurarsi un secondo mandato e di vincere sul proprio sfidante del Partito democratico, Joe Biden, il quale era stato vice presidente durante la presidenza di Barack Obama, dal 2009 al 2017. Per il momento, i prossimi eventi per la campagna elettorale, come ad esempio i raduni in Wisconsin e in Arizona del 3 e 5 ottobre, sono stati cancellati e resta in bilico il prossimo dibattito con lo sfidante democratico, previsto per il prossimo 15 ottobre a Miami.

Intanto, Biden è risultato negativo al tampone per il coronavirus e ha proseguito la propria campagna elettorale in Michigan il 2 ottobre, quando, in un intervento nella sala sindacale a Grand Rapids, ha affermato di pregare per la pronta guarigione del suo rivale. Ciò nonostante, Biden ha anche affermato: “Essere patriotico non significa fare i duri, significa fare la propria parte”, facendo un velato riferimento ai beffeggiamenti ricevuti proprio da Trump per aver indossato in continuazione la mascherina.

Il presidente degli USA è stato l’ultimo di una serie di leader che a livello internazionale hanno contratto il coronavirus. Prima di lui, anche il primo ministro del Regno Unito, Broris Johnson e il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, sono stati affetti dal coronavirus rispettivamente a marzo e luglio scorsi e si sono poi ripresi. Tra i molti messaggi di sostegno ricevuti, il 3 ottobre, il capo della Casa Bianca ha ricevuto anche gli auguri di pronta guarigione da parte del leader nordcoreano, Kim Jong Un.

Il coronavirus si è originato in Cina dalla città di Wuhan, nella provincia di Hubei, dove sono stati registrati i primi casi nel mese di dicembre 2019. Il 7 gennaio, è stato identificato un nuovo virus, denominato provvisoriamente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con il nome: “2019-nCoV” e poi chiamato ufficialmente: “Covid-19”, l’11 febbraio. Il 30 gennaio, l’OMS ha dichiarato il virus un’emergenza mondiale e poi una pandemia l’11 marzo successivo.  Al momento, a livello globale 34.621.100 persone hanno contratto il coronavirus e 1.028.649 ne sono morte. Gli Stati Uniti sono il Paese maggiormente colpito dalla pandemia, della quale lo stesso Trump ha in più occasioni incolpato Pechino.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.